Avventura, sentimenti, mistero e bellezza in regalo: basta far trovare sotto l’albero uno dei tanti libri Natale 2018 usciti quest’anno, tra narrativa, saggistica e volumi fotografici pronti ad emozionare chi li riceva. Già, perché insieme al beauty e ai profumi, i libri restano una delle idee regalo più gettonate e gradite, soprattutto dai lettori incalliti.

Troppe le novità in libreria per riuscire a scegliere il presente più adatto? DireDonna è pronta con una selezione di libri di moda, romanzi e racconti, saggi di cinema, musica, fotografia, arte e letteratura per accontentare i gusti più differenti: ecco i nostri consigli.

Libri di moda

Louis Vuitton. Sfilate

Louise Rytter, Louis Vuitton. Sfilate, L’Ippocampo (49,90 euro)

Nel 1998 Louis Vuitton lancia la sua prima collezione di prêt-à-porter: il successo è straordinario, corroborato da collaborazioni pionieristiche con artisti del calibro di Takashi Murakami, Richard Prince e Stephen Sprouse. Per celebrare il ventesimo anniversario di questa visione creativa, il volume curato da Louise Rytter riunisce per la prima volta tutte le collezioni della Maison, da quelle ideate dal suo primo direttore artistico Marc Jacobs (dal 1998 al 2014) a quelle di Nicolas Ghesquière, attualmente a capo delle collezioni donna.

Sei con me

Franca Fendi, Sei con me, Rizzoli (19 euro)

Affiancata dalla penna di una scrittrice anonima, Franca Fendi, una delle regine della moda italiana, ripercorre le tappe della storia sua e della sua famiglia, oggi un simbolo dell’impareggiabile stile italiano. Si comincia in una Roma deturpata dalla guerra, dove il padre aprì il primo negozio di pellicce in via del Plebiscito, per inoltrarsi in un appassionante intreccio fra vita lavorativa e vicende personali.

Arte in Moda. Giochi d’ispirazione

Stefania Macioce, Giochi d’ispirazione, Logart Press (33 euro)

Cosa accade quando è la moda a diventare arte e l’arte a interessarsi alla moda e alle sue produzioni? Una separazione, quella tra arte e moda, sempre più labile se entrambe, oltre ad essere terreno di creatività sono sinonimo di lusso. L’analisi di Stefania Macioce, professore di Storia dell’arte moderna alla Sapienza di Roma, è insieme storica, sociologica e antropologica ed è supportata da un ricchissimo apparato iconografico di ben 120 fotografie a colori e 80 in bianco e nero. Non mancano profili a tuttotondo degli stilisti che con più talento hanno interpretato l’arte nella e della moda.

La moda è un mestiere da duri

Fabiana Giacomotti, La moda è un mestiere da duri, Rizzoli (18 euro)

Dalla grande crisi del 2008 a oggi, la società del lusso mondiale raccontata da Fabiana Giacomotti, una delle firme più acute e polemiche del costume e della moda italiana: studi di caratteri, incursioni fra arte e moda, osservazioni e analisi scritti in uno stile trasversale, al tempo stesso colto e leggero, ironico e puntuale, che è diventato a sua volta un marchio. La raccolta – una selezione dei più illuminati contributi per il quotidiano “Il Foglio” – è anticipata da un saggio inedito sui nuovi linguaggi della moda.

Dior by Roger Vivier

Dior by Roger Vivier, Rizzoli International Publications (85 dollari)

Scritto da Elizabeth Semmelhack e arricchito dalle fotografie di Gérard Uféras, il volume racconta la liason tra Christian Dior e Roger Vivier, stilista francese specializzato nelle calzature, ideatore del tacco a spillo e di incredibili creazioni a base di seta, perle, perline, pizzi, applicazioni e gioielli. Veri e propri capolavori, le scarpe di Vivier sono esposte al Costume Institute del Metropolitan Museum of Art di New York, al Victoria and Albert Museum di Londra, al Bata Shoe Museum di Toronto e al Musée de la mode et del tessile al Louvre.

Romanzi e racconti

Leggenda privata

Michele Mari, Leggenda privata, Einaudi (18,50 euro)

Chiamando a raccolta tutti i suoi fantasmi e tutte le sue ossessioni (fra cui un numero non indifferente di ultracorpi), Michele Mari passa al microscopio i tasselli di un’intera esistenza: la sua. Un romanzo di formazione giocoso e serissimo che è anche un atto di coerenza verso le ragioni più esose della letteratura.

Il falò delle vanità

Tom Wolfe, Il falò delle vanità, Mondadori (16 euro)

Scritto nel 1987, il romanzo di Tom Wolfe (da cui è stata tratta la celebre pellicola di Brian De Palma), torna in libreria dopo la morte del giornalista. Il dramma, sull’ambizione, sul razzismo e sull’avidità nella New York degli anni Ottanta. Una grande “commedia umana” che ha fatto tremare l’America dei potenti e dei pavidi, degli ipocriti e degli arrivisti. Tutti bruciati su un magnifico e indimenticabile falò delle vanità.

Vincoli. Alle origini di Holt

Kent Haruf, Vincoli, NN editore (18 euro)

Kent Haruf torna a Holt, alle sue origini a cavallo tra Ottocento e Novecento nel primo romanzo che ha imposto lo scrittore all’attenzione del pubblico americano. Un romanzo corale e travolgente, intenso e poetico, con cui Haruf inizia il suo viaggio nell’America rurale, teatro delle sofferenze e metafora della tenacia dello spirito umano, anticipando tutti gli elementi che rendono unica la sua poetica.

Una cosa sull’amore

Jeffrey Eugenides, Una cosa sull’amore, Mondadori (20 euro)

La scoperta della propria sessualità, il tumulto dell’adolescenza, l’amore dentro e fuori la famiglia: sono i temi che hanno fatto la fortuna dei romanzi di Jeffrey Eugenides e che ora tornano in questa raccolta di racconti. Protagonisti stavolta uomini e donne nel mezzo di una crisi personale o del mondo che li circonda, del loro paese.

La bambina ovunque

Stefano Sgambati, La bambina ovunque, Mondadori (18 euro)

Stefano Sgambati racconta la gravidanza dal punto di vista di un uomo, e scardina ogni tabù e ruolo codificato attorno all’attesa di un figli. Con una prima persona originalissima, ironica e divertita, ma anche così sincera da risultare spudorata, Sgambati racconta il titubante viaggio di un uomo verso la paternità, in tutte le sue tappe.

Saggi

Fabrizio De André. Sguardi randagi. Le fotografie di Guido Harari

Fabrizio De André. Sguardi randagi. Le fotografie di Guido Harari, Rizzoli (45 euro)

Per quasi vent’anni, Guido Harari è stato uno dei fotografi personali di De André, realizzando molte delle sue più conosciute immagini ufficiali. In questo volume il suo archivio si schiude per la prima volta integralmente, con oltre 300 fotografie che includono non solo quelle più amate dai fan, ma anche alcune gemme inedite. Con la prefazione di Cristiano De André e la postfazione di Dori Ghezzi.

Cinetour. Guida ai set cinematografici d’Italia

Eleonora D’Uffizi, Cinetour. Guida ai set cinematografici d’Italia, All Around (12 euro)

Eleonora D’Uffizi compila una guida divertente e pratica per tutti gli appassionati di “movie turism” in cerca di novità, informazioni e chicche ma anche per tutti quelli che vogliono trascorrere un weekend o una vacanza alternativi, alla ricerca delle location cinematografiche e televisive dove hanno girato le star più amate del passato e del presente.

Perché scrivere

Philip Roth, Perché scrivere, Einaudi (22 euro)

Una raccolta di saggi per rintracciare i legami più o meno nascosti che la scrittura di Philip Roth intrattiene con quella degli autori che ha amato e l’hanno influenzato. Le “chiacchiere di bottega” con Bernard Malamud, Saul Bellow, Edna O’Brien e Primo Levi. Tra gli inediti,  il discorso tenuto per i suoi ottant’anni e un saggio dedicato al Complotto contro l’America. In chiusura, due interviste rilasciate dopo aver abbandonato la scrittura.

Paolo Pellegrin

Germano Celant, Paolo Pellegrin, Silvana Editoriale (190 euro)

Il volume (in tiratura limitata con copie numerate), curato da Germano Celant, offre la summa dell’intera opera di Paolo Pellegrin, uno tra i più importanti fotografi della scena internazionale. Frutto di un lungo lavoro sull’archivio del fotografo, la pubblicazione raccoglie oltre mille immagini, scandite cronologicamente per decadi, in modo da ripercorrere il percorso creativo e documentario di Pellegrin, membro dell’agenzia Magnum dal 2005, vincitore di dieci World Press Photo Award.

Gio Ponti

Gio Ponti. Archi-designer, Silvana Editoriale (55 euro)

Il libro ripercorre la carriera di Gio Ponti dal 1921 al 1978, mettendo in evidenza i molti ambiti cui si è applicato, dall’architettura al design industriale, dai mobili all’illuminazione, dall’editoria alle incursioni nei settori del vetro, della ceramica e dell’oreficeria. Più di 500 pezzi tracciano questo viaggio multidisciplinare attraverso progetti, interventi in case private ed edifici pubblici (università, cattedrali), mobili e arredi, mostrando la mente creativa di questa figura leggendaria della scena italiana.