Matrimonio, cosa fare il giorno prima

Matrimonio: cosa fare il giorno prima se si è nervose, ma soprattutto cosa non fare, anche in termini di dress code intimo.

Aggiornato il 27 marzo 2019

Matrimonio, il giorno prima può essere di per sé una dura prova. Anche per l’amore: si è nervose e al contempo eccitate per quello che accadrà il giorno successivo, che si spera sia perfetto, arrivare in chiesa su un’automobile d’epoca, percorrere la navata con il proprio padre o il proprio fratello, scambiarsi gli anelli e soprattutto prepararsi a vivere una vita di coppia. Così è facile che vengano delle perplessità dell’ultimo minuto. Ci si pensa: svegliarsi ogni giorno accanto allo stesso uomo che magari lascia i calzini in giro e non sempre è gradevolissimo negli atteggiamenti?

Le paure da matrimonio sono normali il giorno prima. Ecco però alcuni consigli per salvare capra e cavoli: l’amore e un rapporto di coppia non sono facili per nessuno, tutto è da costruire e quello delle nozze sarà solo il primo spumeggiante giorno di vita insieme. Così è meglio farsi un bel sonno, andare a letto presto e riposare: il giorno successivo sarà particolarmente stressante, i preparativi, la cerimonia, il banchetto e certo non si vorrà arrivare esauste la prima notte di nozze quando si è affittata una costosissima suite con idromassaggio e fornita di fragole e champagne?

Qualcosa che può servire a calmare i nervi prima del matrimonio è la buona compagnia delle amiche. Si possono chiamare le proprie damigelle, o la testimone, o semplicemente l’amica del cuore, colei con cui ci si sente sempre affini, per sfogarsi o semplicemente per trascorrere del tempo in maniera differente. Una passeggiata, un cocktail insieme o addirittura una partita a biliardo sono l’ideale per godersi l’ultimo scampolo dello status di single.

Vietato indossare precedentemente la biancheria intima della prima notte: non lo si fa né dalla sera né dal mattino prima. Il matrimonio richiede una buona dose di emozione e certo a nessuno sembrerà sexy una sposa con la biancheria tutta sudata, dalle fatiche mondane e dallo stress della cerimonia. Inoltre, nelle 24 ore precedenti al gran giorno non ci si deve preoccupare di nulla: ormai quello che è fatto è fatto e non serve a niente fasciarsi la testa se tutto non sarà perfetto, è l’amore l’unica cosa che conta.

Fonte: Sheknows.

Articolo originale pubblicato il 25 giugno 2012

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Come organizzare un matrimonio