https://mymetrix.comscore.com/app/report.aspx

Michael Jackson: nuove accuse di pedofilia nel documentario Leaving Neverland

Al Sundance Film Festival arriva una pellicola che getta nuovo fango sulla figura del cantante: tra i protagonisti il coreografo Wade Robson.

Pubblicato il 25 gennaio 2019

Il 2019 non sembra iniziato per il verso giusto per la famiglia Jackson: un documentario intitolato Leaving Neverland getta nuove accuse, o meglio riporta a galla vecchie voci, sulla presunta pedofilia di Michael Jackson. Solo pochi giorni fa sua figlia Paris si è recata in un centro di riabilitazione per curare lo stress dei troppi impegni lavorativi.

Il docu-film, diretto e prodotto da Dan Reed, presentato al Sundance Film Festival, ha fatto partire le proteste dei fan del cantante sul web e il tentativo di boicottaggio dell’importante manifestazione cinematografica, che si sarebbe “prestata” a portare avanti questo progetto definito da alcuni di loro “calunnioso“.

Nuovo documentario sulle accuse a Jackson
Michael Jackson agli MTV Video Music Awards 1995 (foto Getty Images)

Leaving Neverland racconta di come la casa-parco di divertimenti della pop star fosse in realtà una vera trappola per i bambini, definita nel documentario come la più grande opera di pedofilia mai realizzata.

Le varie accuse nei confronti di Michael Jackson, respinte con forza più volte anche dai figli del cantante e dall’attore e amico Macaulay Culkin, anch’egli bambino e frequentatore di Neverland all’epoca dei fatti raccontati, sono sempre state giudicate infondate nei vari processi, e vengono oggi riportate in prima pagina a gran voce da questo film.

Il coreografo è uno degli accusatori di Jackson
Wade Robson (foto Getty Images)

Protagonista principale nelle accuse il coreografo e ballerino Wade Robson, da sempre uno dei maggiori avversatori di Jackson, che aveva inizialmente negato tutto, per poi tornare alla carica nel 2013, a quattro anni dalla morte del cantante, con nuove accuse, sostenendo di essere stato violentato da Michael da quando aveva sette anni fino all’età di quattordici anni. I giudici avevano nuovamente respinto le accuse e negato la richiesta di risarcimento.
Accuse forti, dato che Wade, che aveva girato da bambino uno spot con Jackson, è un nome molto noto nello showbiz: ha infatto diretto e coreografato tanti video e tour famosi, e ha lavorato a lungo al fianco di Britney Spears.

La campagna #NotGuilty in favore dell’artista sta mobilitando il web, con milioni di fan in difesa del cantante.

Intanto a Broadway si onora la memoria di Michael Jackson: è in lavorazione il primo musical basato sulle sue canzoni, Don’t Stop ‘Til You Get Enough, che andrà in scena nel 2020.

Storia

  • Vip