Millennium. Quello che non uccide: trama, recensione e trailer del film con Claire Foy

Presentato in anteprima mondiale alla Festa del Cinema di Roma 2018, il reboot della celebre saga arriva in sala in Italia il 31 ottobre.

Tra le anteprime mondiali più attese, la tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma ha ospitato Millennium. Quello che non uccide, film che segna il ritorno sul grande schermo di Lisbeth Salander, l’eroina della saga letteraria creata da Stieg Larsson, interpretata questa volta da Claire Foy, (la celeberrima protagonista della serie The Crown, per cui ha ricevuto un Emmy e un Golden Globe).

The Girl in the Spider’s Web, come recita il titolo originale, diretto da Fede Álvarez, è il primo adattamento del recente bestseller mondiale scritto da David Lagercrantz; nel cast, nel ruolo del giornalista Mikael Blomkvist, l’attore svedese Sverrir Gudnason (Borg McEnroe) e, nei panni di Camilla Salander, l’attrice olandese Sylvia Hoeks (Blade Runner 2049): un reboot – e non un sequel – che punta a raccontare le evoluzioni di un personaggio che ha fatto la fortuna sia di Noomi Rapace (protagonista di tre capitoli di Millennium: Uomini che odiano le donne, La ragazza che giocava con il fuoco e La regina dei castelli di carta) che di Rooney Mara (volto del primo remake statunitense Millennium. Uomini che odiano le donne diretto da David Fincher).
Lisbeth non è simpatica, non è amabile, non smussa le asperità del proprio carattere: è profonda, complessa, così come è nata dalla penna di Stieg Larsson. Bisogna fidarsi del pubblico che ama un personaggio così poco tradizionale“, ha spiegato Claire Foy in conferenza stampa a Roma.
Sul possibile parallelo tra lei e la regina Elisabetta II di The Crown? “Lisbeth è determinata, ma non definirei tale anche la regina, che al più lo è per ruolo. Sono persone molto diverse, ma una somiglianza c’è: entrambe non sono in grado di comprendere le proprie emozioni ed esprimerle. Lisbeth sa che i sentimenti la rendono vulnerabile, la regina è in una posizione dove le emozioni non aiutano. A meno che Elisabetta II non vada in moto, è questa l’unica somiglianza“.
Dalla sua, il regista Fede Álvarez, invece, ha raccontato di non essersi curato della pesante eredità letteraria e cinematografica: “Fai la tua trasposizione, ti concentri su quella storia, sul tuo punto di vista. Viene dal quarto libro, che è diverso, più folle, è una storia di spie con elementi noir, un James Bond folle, ma Lisbeth tiene insieme tutto. È una storia molto personale, ma la posta in gioco è più alta, questa è la mia sfida: siamo all’opera, è tutto esagerato, anche i costumi“.

Claire Foy e Sylvia Hoeks in conferenza stampa a Roma (Photo by Ernesto S. Ruscio/Getty Images)

La trama di Millennium. Quello che non uccide

Lo scienziato informatico Franz Balder assolda Lisabeth Salander per strappare alla N.S.A, l’Agenzia per la Sicurezza Nazionale statunitense, un congegno che ha inventato e che potrebbe distruggere il mondo. La missione, però, costringe l’hacker a fare i conti con il suo passato.

Millenium. Quello che non uccide (Courtesy Press Office)

La recensione del film

Sono 117 minuti a tratti interminabili quelli a cui il regista Álvarez sottopone gli spettatori, vittime di una sceneggiatura sgangherata e di una recitazione a tratti imbarazzante: la mancanza che si prova nei confronti di Her Majesty, guardando Claire Foy costretta dentro un costume tutto stereotipi e banalità, è grande.
Belle le location e gli allestimenti scenografici degli interni, su tutte l’open space di Lisabeth e l’appartamento di Mikael (con quell’arredamento tanto swedish che Ikea ha fatto amare in tutto il mondo), opera della scenografa Yesim Zolan; desolanti le caratterizzazioni dei personaggi da parte della costumista, quanto avvilenti alcune trovate studiate dagli sceneggiatori per trarre la giustiziera hacker da situazioni di pericolo: se si è disposti a passare a James Bond qualsivoglia escamotage, anche il più mirabolante, non è certo per presunto maschilismo che dalla Salander non si accettano colpi di fortuna che rasentano il ridicolo. Film molto atteso, alla kermesse capitolina, e quanto mai da dimenticare.

Millenium. Quello che non uccide (Courtesy Press Office)

Uscita e trailer

Presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma 2018, Millennium. Quello che non uccide esce nelle sale in Italia il 31 ottobre distribuito da Warner Bros.
Visualizza questo contenuto su