La nostra Signora della moda conquista Londra: Miuccia Prada, il 10 dicembre, riceverà l’Outstanding Achievement Award in occasione della cerimonia dei Fashion Awards 2018, organizzati in collaborazione con Swarovski che si terrà alla Royal Albert Hall.

L’Outstanding Achievement Award celebra ogni anno l’apporto creativo dato al settore moda da singoli individui che, nel corso della loro carriera, abbiano plasmato e rimodellato il fashion system grazie al loro spirito innovativo. I precedenti vincitori sono stati, solo per citarne alcuni: Donatella Versace, Ralph Lauren, Karl Lagerfeld, Anna Wintour, Terry e Tricia Jones e Manolo Blahnik.

La capacità di Miuccia Prada di intuire lo zeitgeist e di mescolare sin dagli inizi diverse discipline creative, come la moda, l’arte e l’architettura, ne hanno fatto una pioniera del nostro comparto. Sono molto desiderosa di celebrare il 10 dicembre lo straordinario contributo da lei dato al settore”, ha commentato Sephanie Phair, Presidente del British Fashion Council.

Siamo entusiasti di poter conferire a Miuccia Prada l’Outstanding Achievement Award per l’incredibile anticonformismo e l’originalità della sua moda e per essere stata l’artefice dell’evoluzione del Gruppo Prada da azienda di famiglia a marchio globale. Non vediamo l’ora di festeggiare il 10 dicembre insieme a lei e a tutta la famiglia e gli amici del nostro settore”, le ha fatto eco Caroline Rush, CEO del British Fashion Council.

I Fashion Awards rappresentano la principale occasione di raccolta fondi per il British Fashion Council, un’organizzazione no profit i cui scopi sono la promozione dell’eccellenza nella moda britannica e il supporto ai futuri canali di rifornimento di talenti creativi. Swarovski si è impegnata con una donazione di 300.000 sterline alla BFC Education Foundation. Nel 2017, il BFC ha raccolto oltre 2,2 milioni di sterline per le sue iniziative di beneficenza e di supporto alle imprese e nei dodici mesi fino a marzo 2018 ha stanziato 1,1 milioni di sterline in sovvenzioni alle aziende di stilisti, allo scopo di finanziare ulteriormente i loro sforzi.

Kaia Gerber alla sfilata Prada Resort 2019 (Photo by Mike Coppola/Getty Images)

Miuccia Prada: la storia di un successo

Miuccia Prada ha rilevato l’azienda di famiglia nel 1978 e ha iniziato a lavorare con Patrizio Bertelli, pioniere dell’introduzione nel settore del lusso di un nuovo modello imprenditoriale, basato sul controllo diretto di tutti i processi e sull’applicazione di rigorosi criteri di qualità in tutte le fasi della produzione. L’azienda di famiglia si è trasformata da piccola casa di pelletteria in una delle più potenti maison di moda prêt-à-porter, all’inizio con un essenziale zainetto in nylon nero industriale, che contrastava con l’idea di lusso tradizionale e conservatore, e poi con una linea di prêt-à-porter femminile di enorme successo.

Prada ha fatto il suo debutto in passerella nel 1988, ottenendo il plauso della critica e consolidando la posizione di Miuccia Prada fra i principali protagonisti della moda. Da allora, la maison ha presentato le proprie collezioni donna e uomo in oltre 100 sfilate. Ormai storiche molte delle campagne che hanno sempre avuto come protagoniste le più grandi modelle del momento: da Carla Bruni ad Amber Valletta, Christy Turlington, Linda Evangelista e Naomi Campbell, tutte fotografate dai più grandi fotografi, tra cui Steven Meisel, Glen Luchford, David Sims e Peter Lindbergh.

La sfilata Prada Primavera-Estate 2017 a Milano (Photo credit ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Più di recente Prada ha lanciato la campagna 365, che prende una nuova direzione proponendo vari racconti il cui scopo è collocare i modelli all’interno di scenari realistici anziché in ambientazioni di fantasia. La campagna rappresenta infatti la vita negli uffici, paesaggi urbani e spiagge, permettendo così a Prada di inserire abilmente il modello nel mondo reale e nella psiche del suo consumatore.

Sotto la sua guida, il Gruppo Prada si è ulteriormente evoluto con la creazione di Miu Miu, brand dall’atteggiamento provocatorio, disinvolto e sofisticato; Church’s, leader nella produzione di calzature da uomo di alta gamma; Car Shoe, marchio di calzature noto per il suo iconico mocassino con i classici gommini sotto la suola, e Marchesi 1824, storica pasticceria famosa per le straordinarie reinterpretazioni in chiave moderna di specialità tradizionali.

La Fondazione Prada è nata nel 1993 per organizzare e promuovere mostre d’arte contemporanea e numerose altre attività culturali che hanno riscosso apprezzamenti e riconoscimenti a livello internazionale. Nel maggio 2011 la Fondazione Prada ha inaugurato uno spazio espositivo affacciato sul Canal Grande nel palazzo Ca’ Corner della Regina a Venezia, di cui ha curato anche il restauro. La sede permanente della Fondazione Prada, aperta al pubblico nel maggio 2015 in un ex complesso industriale del 1910 in Largo Isarco, a Milano, è stata trasformata e reimmaginata da Rem Koolhaas nei 19.000 metri quadrati che oggi ospitano un ricco programma di mostre ed eventi culturali.

Nel 2016 la Fondazione ha aperto in Galleria Vittorio Emanuele II, Milano l’Osservatorio, un nuovo spazio dedicato alla fotografia contemporanea.

L’approccio pionieristico di Miuccia Prada si estende anche all’architettura. È stata una delle prime stiliste a commissionare ai vincitori del Pritzker Prize Rem Koolhaas e Herzog & de Meuron la creazione dei negozi “Epicentro” di Prada a New York, Tokyo e Los Angeles.

Tra i successi di Miuccia Prada vanno ricordati l’International Award 2004 del CFDA; nel 2005 Time Magazine l’ha nominata una delle 100 persone più influenti al mondo; nel 2013 ha vinto il premio inaugurale International Designer of the Year Award ai British Fashion Awards e l’anno successivo il Costume Institute del Metropolitan Museum of Art di New York le ha dedicato – insieme a Elsa Schiaparelli – la sua mostra annuale, intitolata Elsa Schiaparelli and Prada: Impossible Conversations.