Paolo Bonolis: “Ho già fatto tanto: potrei anche ritirarmi dalla TV”

Domani torna in TV “Chi ha incastrato Peter Pan”, come al solito condotto dal fantastico Paolo Bonolis. Il presentatore assicura qualche ora di puro divertimento nel programma TV che rende i bambini protagonisti.

Anche quest’anno, Bonolis inviterà in studio i bimbi che parteciperanno allo show con candid camera, giochi ed esperimenti:

Siamo riusciti a trovare bambini spontanei e che non recitano giocando a fare i bambini. Ma non è facile. La cultura dominante è quella dell’immagine, dell’apparire.

In un’intervista rilasciata a TV, Sorrisi e Canzoni, Bonolis ha parlato dei suoi progetti futuri. Il conduttore ha tanta voglia di mettersi in gioco, sperimentare cose nuove proprio come lo show “Il senso della vita”:

Nel 2009 ho fatto un Sanremo nuovo, intenso, diverso. Qualche anno fa ho inventato Il senso della vita. Ho voglia di cose inedite e spero di poterle fare. Ma di nuovo ho già fatto tanto, potrei pure fermarmi qui. In TV si acquisiscono denari e privilegi e nessuno vuole rischiare di perderli

Una dichiarazione che lascia davvero perplessi i telespettatori: è difficile immaginare una televisione che fa a meno di un personaggio importante come Paolo Bonolis. Il suo modo di fare trasforma qualsiasi trasmissione in successo, proprio come Re Mida trasformava in oro tutto ciò che toccava.

E a chi lo definisce “presuntuoso”, Bonolis spiega che nella televisione attuale è difficile distinguere un buon lavoro dai programmi mediocri proposti dai palinsesti:

Io non sono migliore degli altri però sono consapevole. Tento di porre un argine, non voglio nascondermi dietro un dito. Viviamo in una società dove la mediocrità è assurta a sistema e la TV non fa eccezione. Nel polpettone generale è difficile distinguere un buon lavoro da un lavoro mediocre.