Parlami di te: trama e recensione del film con Fabrice Luchini

Arriva dalla Francia una commedia agrodolce su una caduta e una rinascita: ecco perché vederla.

Aggiornato il 9 maggio 2019

Arriva al cinema Parlami di te (Un homme pressé), il film con Fabrice Luchini diretto da Hervé Mimran. Ispirato alla storia vera di Christian Streiff, ex CEO di Airbus e di PSA Peugeot Citroën, racconta la caduta e la lenta rinascita di un manager schiavo della carriera e del successo.

Volevo soprattutto parlare della fragilità della vita, dell’essere umano, che sia un individuo potente o che sia un poveraccio. Essere un giorno in vetta e il giorno dopo senza più niente. È un tema che mi ha sempre affascinato. E che produce buone storie per di più. Che si abbia poco o tanto, si ha sempre paura di perdere quello che si ha“, ha spiegato il regista, Hervé Mimran.

Fabrice Luchini nel film Parlami di te
Fabrice Luchini in Parlami di te (Courtesy Press Office)

La trama di Parlami di te

Alain (Fabrice Luchini) è un brillante uomo d’affari, celebre per la sua oratoria, che non si concede nessun tipo di distrazioni, comprese quelle familiari. Colpito da un ictus, soffre di difficoltà nell’espressione verbale e di perdita della memoria. La sua rieducazione è affidata a una giovane logopedista, Jeanne (Leïla Bekhti).

Una scena del film Parlami di te di Hervé Mimran
Rebecca Marder e Fabrice Luchini in Parlami di te (Courtesy Press Office)

Parlami di te: la recensione

Al suo terzo lungometraggio, lo sceneggiatore e regista Hervé Mimram (dopo Tout ce qui brille e Nous York ) confeziona una commedia agrodolce, sorretta in buona misura dall’interpretazione superba e asciutta insieme di Fabrice Luchini.

Il film funziona al meglio quando descrive le difficoltà quotidiane che affliggono una persona colpita da ictus, peggio quando rimane impigliato in qualche facile sentimentalismo.

Certo è che le parti in cui Luchini, famoso in Francia per spettacoli teatrali in cui recita a voce alta testi classici e poesia, mescola e confonde ogni parola, pronunciando serissimo parole all’indietro in quel gergo “verlan” (significa à l’envers, ossia “al contrario”) creato nel dopoguerra e popolare nelle banlieue francesi degli anni ’80, sono le migliori. Proprio per godere al massimo della recitazione del protagonista, se ne consiglia la visione in lingua originale.

Uscita e trailer del film

Parlami di te, il film con Fabrice Luchini, è al cinema dal 21 febbraio, distribuito in Italia da Bim.

Visualizza questo contenuto su

Articolo originale pubblicato il 5 febbraio 2019

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Film consigliati