Pasqua e Pasquetta a Roma 2019: cosa fare e dove andare

Non solo la Santa Messa a San Pietro con la benedizione del Papa, ma musei aperte, mostre, visite guidate e gite fuori porta.

Storia

Pasqua e Pasquetta 2019 a Roma all’insegna della tradizione: la Capitale, culla del cristianesimo, vive domenica 21 aprile e lunedì 22 aprile due giorni di devozione, ma anche di gite fuori porta, pic nic nei parchi cittadini e visite ai tanti angoli magici della città.

Musei comunali e statali aperti, mostre appena inaugurate e qualche appuntamento con la storia rendono il weekend lungo particolarmente appetibile per chi ama l’arte e la cultura e i tanti ristoranti capitolini sono pronti ad accogliere i più golosi con i loro menu speciali.

Ecco cosa fare, quali mostre vedere e dove andare.

Pasqua e Pasquetta a Roma 2019: cosa fare

Alle ore 10, la domenica di Pasqua, dal Sagrato della Basilica Vaticana Papa Francesco celebrerà la Santa Messa in occasione della Pasqua – al termine si affaccerà dalla loggia centrale della Basilica ed impartirà la Benedizione “Urbi et Orbi”. Il 22 aprile, lunedì dell’Angelo, alle ore 12, Sua Santità si affaccerà dalla finestra del suo studio privato all’interno del Palazzo Apostolico per la recita della preghiera del Regina Coeli e per impartire la benedizione apostolica ai numerosi fedeli presenti in piazza San Pietro.

Il Sagrato della Basilica di San Pietro (Photo by Massimo Valicchia/NurPhoto via Getty Images)

Torna il progetto Viaggi nell’antica Roma che, attraverso due appassionanti ed innovativi spettacoli multimediali, racconta e fa rivivere la storia del Foro di Cesare e del Foro di Augusto. Grazie ad appositi sistemi audio con cuffie e accompagnati dalla voce di Piero Angela e dalla visione di magnifici filmati e proiezioni che ricostruiscono i due luoghi così come si presentavano nell’antica Roma, gli spettatori potranno godere di una rappresentazione emozionante e allo stesso tempo ricca di informazioni dal grande rigore storico e scientifico.
Foro di Augusto, Via Alessandrina. Alle 20.20 – 21.20 – 22.20 (3 repliche). Biglietti da 15 a 10 euro. Foro di Cesare. Dalle ore 20.20 alle 22.20 (7 repliche). Biglietti da 15 a 10 euro. Biglietto combinato da 25 a 17 euro.

Foro di Augusto (Courtesy Press Office)

In occasione delle prossime elezioni europee del 26 maggio su tutto il territorio continentale, la Casa del Cinema, particolarmente attenta all’attualità e agli anniversari delle realtà culturali, politiche e sociali, presenta un ciclo di film che vedono al centro la storia, l’idea e la realizzazione dell’unità europea. Domenica è la volta de L’altro volto della speranza di Aki Kaurismäki (v.o.sott.it.), Orso d’argento a Berlino, la storia di un commesso viaggiatore finlandese incontra un rifugiato siriano. Si aiuteranno a vicenda, nonostante il razzismo più becero della popolazione.
Largo Marcello Mastroianni, 1. Alle ore 18. Ingresso gratuito.

L’altro volto della speranza (Courtesy Press Office)

Pasqua e Pasquetta a Roma 2019, i musei e le mostre aperte

In occasione delle festività, la Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea prevede giornate ad apertura straordinaria e a ingresso gratuito. Oltre alla collezione permanente sarà possibile visitare anche le mostre Joint is Out of Time, Ragione e Sentimento Lontano. Caio Mario Garrubba. Fotografie e Impronte dell’Arte. 2RC 1963-2018, a cura di Achille Bonito Oliva, che ripercorre l’esperienza della storica stamperia romana 2RC di Valter ed Eleonora Rossi, fondamentale per la storia della grafica e dell’incisione, non solo a livello italiano. Una selezione di 90 lastre matrici e di 45 opere grafiche, prodotte nell’arco di 60 anni, testimonia la preziosa ed intensa collaborazione di 2RC con importanti artisti di provenienza italiana ed internazionale.
Viale delle Belle Arti 131. Dalle 8.30 alle 10.30. Domenica 21 aprile a ingresso gratuito; lunedì 22 aprile, apertura straordinaria. Biglietti da 10 a 2 euro.

Sam Francis, Trietto 5 – 1991 (Courtesy Press Office)

Alla Centrale Montemartini, un intenso dialogo tra i volti antichi delle collezioni capitoline e le moderne opere del fotografo d’arte Luigi Spina viene proposto nella mostra fotografica Volti di Roma alla Centrale Montemartini. Fotografie di Luigi Spina: una selezione di 60 fotografie in bianco e nero, (formato 50 x 60 cm), che il fotografo ha realizzato con banco ottico – tecnica già utilizzata dall’autore con risultati di alto livello – e ha poi personalmente stampato a mano.
Via Ostiense, 106. Dalle 9 alle 19. Biglietti da 9 a 7 euro. Ingresso gratuito al museo con la MIC card.

Ritratto femminile (Foto Luigi Spina @Courtesy Press Office)

Al MAXXI, eccezionalmente aperto anche lunedì 22, sono state inaugurate le mostre Paolo Di Paolo. Mondo perduto (che aprirà al pubblico domani 17 aprile nello Spazio EXTRA MAXXI, fino al 30 giugno 2019), a cura di Giovanna Calvenzi, main sponsor Gucci, con oltre 250 immagini straordinarie del fotografo più pubblicato dal Mondo di Pannunzio e At Home. Progetti per l’abitare contemporaneo, il nuovo allestimento della collezione di architettura del MAXXI, sul tema dell’abitare dal dopoguerra a oggi con progetti di grandi maestri del ‘900 e di architetti del nostro tempo. Sempre la fotografia è protagonista del focus Elisabetta Catalano. Tra immagine e performance: immagini che raccontano le performance in studio di Vettor Pisani, Cesare Tacchi, Joseph Beuys e Fabio Mauri (Archive Wall, ingresso libero). Infine, Paola Pivi. World Record, con le sue installazioni sorprendenti (come l’opera che dà il titolo alla mostra: una gigantesca distesa di materassi che copre più di cento metri quadrati, sovrastata da un’altra, identica ma capovolta, che crea un antro ovattato nel quale entrare e gattonare), incoraggia il pubblico a interagire e a divertirsi.
Via Guido Reni, 4 A. Dalle 11 alle 19. Biglietti da 12 a 9 euro.

Sofia Loren sul set di Pane, amore e… Pozzuoli (Napoli) 1955 (Foto Paolo Di Paolo, © Archivio Paolo Di Paolo)

Durante le festività pasquali, il Palazzo delle Esposizioni apre i battenti con tre mostre in corso. Al primo piano in esposizione Manifesto, l’imponente video installazione articolata in 13 grandi schermi dell’artista tedesco Julian Rosefeldt che a seguito del grande successo di pubblico la mostra sarà prorogata fino al 5 maggio. Al secondo piano in mostra Il corpo della voce. Carmelo Bene, Cathy Berberian, Demetrio Stratos un progetto originale e innovativo dedicato alla voce intesa come pura potenzialità sonora. Per i più piccoli propone, nello spazio fontana (a ingresso gratuito), Natura in tutti i sensi, una mostra-laboratorio per raccontare la poesia della natura attraverso lo sguardo, il segno e il colore.
Via Nazionale, 134. Dalle 10 alle 20. Biglietti da 10 a 6 euro.

Cathy Berberian posa con il vestito di scena di Stripsody, circa 1966 (Collezione Cathy Berberian, Fondazione Paul Sacher, Basilea)

All’AuditoriumArte del Parco della Musica, c’è Future Landscape la mostra dell’artista Andreco, a cura della storica dell’arte Sara Alberani e promossa da Climate Art Project, un percorso di ricerca tra arte e scienza sui cambiamenti climatici inaugurato nel contesto delle azioni di attivismo mondiale per contrastare le gravi crisi ecologiche che minacciano il pianeta.
Via Pietro de Coubertin, 30. Dalle 10 alle 21. Ingresso libero.

Andreco, Future Landscape (Courtesy Press Office)

Porte aperte anche al Chiostro del Bramante dove prosegue Dream. L’arte incontra i sogni, a cura di Danilo Eccher: i maggiori protagonisti dell’arte contemporanea internazionale parlano di sogni, di paure, di desideri. Da Bill Viola a Mario Merz, da Christian Boltanski, Anish Kapoor, Luigi Ontani, Ettore Spalletti fino a James Turrell, in un percorso da scoprire grazie alle aperture straordinarie anche durante i lunghi ponti di primavera.
Via Arco della Pace. Dalle 10 alle 21. Biglietti da 14 a 10 euro.

Tsuyoshi Tane, Light is Time (Foto Annalisa Esposito @Courtesy Press Office)

Dove andare a Pasqua e Pasquetta a Roma 2019

Apre il giorno di Pasqua il Roseto comunale, in concomitanza con la fioritura delle rose. Il Roseto Comunale di Roma è tra i giardini della capitale più belli e romantici. Le sue origini sono molto antiche e già dal III sec. a.C., il luogo in cui sorge il roseto, era adibito alla coltivazione di piante e fiori. Il roseto si estende su una parte dell’Aventino, tra il Circo Massimo e l’altro magnifico giardino, il Parco Savello chiamato anche il Giardino degli Aranci. Nel Roseto sono presenti ben 1.100 specie di rose provenienti da ogni angolo del mondo, compresi la Cina e la Mongolia.
Via di Valle Murcia, 6. Dalle 8.30 alle 19.30. Ingresso gratuito.

Roseto comunale (Photo by: Marka/UIG via Getty Images)

Chiude a Pasquetta TuliPark, il giardino olandese con migliaia di tulipani, di 91 varietà. Giunto alla seconda edizione, il parco di 26.000 metri quadri di magie e colori e più di 9 mesi di lavoro per godere della bellezza dei tulipani, vivendo un’esperienza unica ed indimenticabile. Con l’esclusivo metodo u-Pick si possono raccogliere i tulipani.
Via dei Gordiani, 73. Dalle 9 alle 19. Biglietti 5 euro (sono compresi 2 tulipani).

TuliPark (Foto tulipark.it)

La Casa delle Farfalle è un giardino magico, dove centinaia di farfalle, di tantissime e variegate specie, volano liberamente in una riproduzione di foresta tropicale creata per darvi la possibilità di vederle da vicino. Per rendere l’esplorazione della Casa delle Farfalle più accattivante e costruttiva, biologi ed entomologi guidano i visitatori ad immergersi nel loro mondo, svelandone tecniche adattative e tante curiosità.
Via Appia Pignatelli, 450. Dalle 9 alle 19. Biglietti da 6 a 4 euro.

La Casina delle Civette, dimora del principe Giovanni Torlonia jr. fino al 1938, anno della sua morte, è il risultato di una serie di trasformazioni e aggiunte apportate alla ottocentesca Capanna Svizzera che, collocata ai bordi del parco e nascosta da una collinetta artificiale, costituiva in origine un luogo di evasione rispetto all’ufficialità della residenza principale. Ideata nel 1840 da Giuseppe Jappelli su commissione del principe Alessandro Torlonia, si presentava come un manufatto rustico con paramenti esterni a bugne di tufo ed interno dipinto a tempera ad imitazione di rocce e tavolati di legno.
Via Nomentana, 70. Dalle 9 alle 19. Biglietti da 6 a 5 euro.

Casina delle Civette (Foto museivillatorlonia.it)

Apre le sue porte Baubeach, la spiaggia per cani eco-friendly di Maccarese, per dar modo ai soci di festeggiare il ponte pasquale al mare in compagnia del proprio compagno a quattro zampe. Novità della stagione sarà la realizzazione del Progetto Zero Plastica, denominato Happy Sea Happy Earth! Per rendere tangibile il suo impegno ambientalista, ha convertito l’impianto idrico per la produzione di acqua potabile naturale, gasata e naturalizzata. Borracce in Tritan, erogatori alla spina di prodotti biocompatibili, installazioni artistiche e cura nel dettaglio di ogni scelta nel totale rispetto dell’ambiente.
Via Praia a Mare.

Baubeach (Courtesy Press Office)