Pazze di Me: recensione

Pazze di Me è il nuovo film diretto da Fausto Brizzi e sceneggiato dallo stesso regista con Federica Bosco e Marco Martani. Protagonista è Francesco Mandelli, affiancato da Loretta Goggi e Chiara Francini.

Aggiornato il 26 agosto 2019

A quasi un anno esatto da Com’è Bello Far l’Amore, Fausto Brizzi torna dietro alla macchina da presa per Pazze di Me, nuova commedia scritta a sei mani insieme a Marco Martani e Federica Bosco, autrice anche dell’omonimo romanzo tratto dalla sceneggiatura del film. Una commedia brillante che punta tutto sulla risata, quella del regista romano, che si diverte a giocare sugli stereotipi più grotteschi dell’universo femminile.

=> Leggi la recensione de La Scoperta dell’Alba

Per Pazze di Me, Brizzi sceglie come unico protagonista maschile Francesco Mandelli, fresco reduce da I 2 Soliti Idioti, secondo capitolo basato sulla sitcom I Soliti Idioti targata MTV. Al suo fianco, un cast quasi tutto al femminile capitanato da Loretta Goggi, affiancata per l’occasione da Chiara Francini e Claudia Zanella, Marina Rocco, Valeria Bilello, Lucia Poli e Paola Minaccioni. A tenere alta la bandiera degli interpreti maschili, ci sono invece i piccoli camei di Fabrizio Biggio e Luca Argentero, insieme a Flavio Insinna, Maurizio Micheli e Gioele Dix solo per citarne alcuni.

Andrea (Mandelli), trentenne e unico uomo della famiglia composta da madre (Goggi), sorelle, nonna, badante e cane rigorosamente femmina, conosce la donna perfetta: Giulia (Bilello). Da sempre intimorito dall’ingombrante presenza femminile, vive nel costante timore del mondo in rosa; per questo, presentare la sua dolce metà alle sue donne non sarà un’impresa di certo semplice da affrontare.

Maschi Contro Femmine, Femmine Contro Maschi: a Brizzi il tema dello scontro tra i sessi è particolarmente caro, tanto da utilizzarlo nuovamente come spunto per il suo nuovo Pazze di Me. Stavolta però la posta in gioco è ancora più alta: infatti a scontrarsi è un uomo, solo e interpretato da Francesco Mandelli, contro ben sette esemplari di sesso femminile. Non mancano di certo le risate, frutto di una piacevole iperbole – neanche troppo lontana dalla realtà, in alcuni casi – di vizi e difetti delle donne.

A fungere da agnello sacrificale dell’insopportabile famiglia è proprio Mandelli che, senza la maschera di Ruggero De Ceglie de I Soliti Idioti, riesce a farsi apprezzare grazie alla sua spontaneità e simpatia, destreggiandosi tra i colpi bassi volontari e meno del nugolo di arpie che si ritrova in casa. Si sente anche la capacità d’affiatamento tra le donne del cast, capitanate dalla Goggi / Sergente Hartman che non gliene lascia scappare una; un vero e proprio concentrato di emancipazione e pugno di ferro, tramandato anche alle sorelle del povero Andrea, tanto dure ma capaci di sciogliersi come neve al sole una volta colpite dalla freccia di Cupido.

Leggero e spensierato, senza grandi pretese ma capace di intrattenere per tutta l’ora e mezza abbondante di durata, Pazze di Me riesce a far recuperare terreno a Fausto Brizzi, nonostante lo scivolone del poco riuscito Com’è Bello Far l’Amore. Un consiglio per chi è solito fuggire dalla sala sull’inizio dei titoli di coda: attendete la fine, senza perdere neanche uno degli sms che appaiono sullo schermo… ce n’è per tutti.

Visualizza questo contenuto su

Articolo originale pubblicato il 24 gennaio 2013

Seguici anche su Google News!