Ryan Gosling sarà un supereroe al cinema?

Ryan Gosling, durante un'intervista, immagina di interpretare un supereroe al cinema, l'unico ruolo che ancora gli mancherebbe.

Aggiornato il 25 marzo 2019

Ryan Gosling potrebbe essere un supereroe cinemtaografico in futuro? L’attore non esprime palesemente la volontà di esserlo, ma nelle sue parole si avverte un pizzico di ironia.

La questione è stata portata a galla dal giornalista di ScreenCave che ha intervistato Ryan Gosling in occasione della presentazione degli ultimi due film a cui sta lavorando, Gangster Squad e Only God Forgives.

=> Leggi tutte le curiosità su Ryan Gosling

L’intervistatore definisce Gangster Squad come una sorta di The Avengers in versione anni Quaranta; inoltre, porta alla ribalta la questione di un film in programma per il 2015, Justice League, che riunisce tutti gli eroi della DC (Batman, Superman, Lanterna Verde e Flash). La domanda, a quel punto, sorge spontanea: Ryan Gosling potrebbe avere una parte in Justice League?

L’attore risponde ironicamente: “i supereroi sono già tutti presi”, dal momento che Superman, Batman e Lanterna Verde hanno già un volto. “Manca solo Flash” prosegue Gosling, ma a quest’ultima frase aggiunge un pensiero per nulla banale.

L’attore, infatti, continua dicendo che, in teoria, ha già interpretato la parte di un supereroe: in Drive, di Nicholas Winding Refn, con il quale sta lavorando anche a Only God Forgives. Del resto, in Drive, il personaggio di Gosling era davvero un supereroe: aveva la sua divisa (un giubbotto con stampato sopra uno scorpione), la sua arma (un martello) e il suo personalissimo veicolo (un’automobile); il suo scopo era solo quello di salvare la sua bella dai nemici.

Gosling ha indubbiamente il fisico e il portamento per interpretare un supereroe. Ma affermare di aver già fatto la sua parte in Drive significa che l’attore ha grandissimo rispetto per quel film d’autore e per nulla facile che gli ha aperto la strada della sua luminosissima carriera.

Fonte: ScreenCave

Articolo originale pubblicato il 11 gennaio 2013

Seguici anche su Google News!