Serenity, trama e recensione del film con Anne Hathaway

Steven Knight dirige un thriller con Matthew McConaughey ambientato in una sperduta isola dei tropici: tutto quello che c'è da sapere.

Spettacolo

Matthew McConaughey e Anne Hathaway tornano insieme in Serenity dopo il successo di Interstellar (diretto da Christopher Nolan nel 2014): il film, per la regia di Steven Knight, arriva in sala, nei cinema in Italia, giovedì 18 luglio.

Ambientato in un’isola dei tropici, Serenity è stato girato nelle Mauritius, location ancora poco battuta dal cinema, che solo di recente si è aperta alle troupe cinematografiche. Nel cast, insieme a Matthew McConaughey e Anne Hathaway , ci sono Diane Lane, Djimon Hounsou, Jason Clarke e Jeremy Strong.

Ecco trama, recensione e uscita del film.

Serenity (Courtesy Press Office)

Serenity, la trama del film

Il pescatore Baker Dill è ossessionato dalla cattura di un tonno, che occupa gran parte delle sue giornate nell’isola tropicale di Plymouth. L’arrivo nell’isola della sua ex moglie, con la richiesta di uccidere il suo secondo marito, sadico e violento, sconvolgerà la sua vita e le sue verità.

I pescatori sono abbastanza ossessionati dal loro lavoro; così mi è venuta l’idea di un uomo con il pensiero fisso di catturare un pesce particolare e ho cominciato a studiare più a fondo quel tipo e la sua storia, chi fosse e perché si trovasse lì”, ha spiegato il regista e sceneggiatore Steven Knight.

La recensione di Serenity

Tanti omaggi ai classici del genere per Serenity, il  thriller con i due premi Oscar Matthew McConaughey e Anne Hathaway.

Ha ammesso lo stesso regista: “Per quanto riguarda i dialoghi, gli ambienti e le atmosfere, ci sono riferimenti voluti a Ernest Hemingway e a Graham Green. Ci sono anche dei riferimenti ad alcuni classici del cinema degli anni ’40 e ’50”.

Eppure Knight confeziona un film discontinuo, che dopo una prima parte avvincente, si attorciglia in un finale banale a cui si arriva con ritmo incerto, come incerta pare la recitazione dei suoi interpreti principali.

Ad Hathaway sembra andare stretto il ruolo della femme fatale (anche se in più punti ci si chiede se non fosse la sua interpretazione funzionale allo svelamento del finale); McConaughey altalena tra momenti di intensità drammatica a eccessi maniacali, spiazzando il pubblico più per il suo fisico – meritevole del biglietto al cinema – che per la sua prova attoriale, diviso come è tra la voglia di essere un po’ Humphrey Bogart e a tratti Marlon Brando.

Ambientazioni tropicali di maniera, costumi senza guizzi, colonna sonora spesso soverchiante rispetto l’andamento della trama, condita di dialoghi che poco regalano in più al prodotto. In definitiva un film dimenticabile.

Matthew McConaughey e Anne Hathaway in Serenity (Courtesy Press Office)

Uscita del film con Anne Hathaway

Serenity, con Matthew McConaughey e Anne Hathaway, esce in sala, nei cinema italiani, il 18 luglio 2019, distribuito da Lucky Red.

Anne Hathaway in Serenity (Courtesy Press Office)

Credits foto:

  • Serenity | Ufficio Stampa