Taste of Roma 2019: programma e piatti da provare

Torna dal 19 al 22 settembre all’Auditorium Parco della Musica l’appuntamento più atteso dai foodies della Capitale: tutto quello che c’è da sapere.

Tempo Libero

Torna a deliziare i palati di foodies, gourmet, appassionati e curiosi del buon cibo Taste of Roma 2019, che dal 19 al 22 settembre “invaderà” con un programma rinnovato, tanti piatti da provare, profumi, sapori e colori l’Auditorium Parco della Musica della Capitale.

Già, perché il tema di quest’anno della kermesse culinaria, organizzata da BEIT Events e alla sua ottava edizione, è proprio il colore e il suo abbinamento al cibo: 14 gli chef più amati che proporranno menu e piatti iconici in grado di risvegliare tutti i 5 sensi. La componente cromatica del cibo non si limiterà, infatti, all’aspetto visivo, ma riporterà alla memoria esperienze ed emozioni, creando aspettative sul gusto, grazie a rosso, verde, bianco, arancione e nero.

Quest’anno abbiamo voluto ‘mettere sul piatto’ i 5 sensi e i 5 colori con l’aiuto di chef di fama internazionale. Quante volte abbiamo sentito dire ‘prima di tutto mangiamo con gli occhi?’. Sta di fatto che quando mangiamo bene, i nostri sensi si prodigano per elaborare un’esperienza unica. E spesso ci ritroviamo a mangiare prima con gli occhi e, solo dopo aver passato l’esame visivo, con la bocca”, racconta Silvia Dorigo, Founder & CEO di BEIT Events. “Quest’anno a Taste of Roma vogliamo ‘mettere nel piatto’ le sensazioni che ci danno i colori con l’obiettivo di far conoscere l’evoluzione della cucina. Siamo arrivati con tante soddisfazioni all’ottava edizione di Taste of Roma. Ogni anno il pubblico ci riconferma la sua curiosità, il suo interesse a scoprire i nuovi aspetti del gusto, la voglia di interagire con gli chef e anche il desiderio di imparare qualcosa di nuovo. Il pubblico sa che da noi trovano sempre delle sorprese e delle emozioni nuove, ma questo lo sanno anche i nostri partner che vedono in questa importante kermesse culinaria un’opportunità unica per raccontarsi”.

Uno dei piatti a Taste of Roma (Ufficio stampa)

Taste of Roma 2019, orari ingresso e biglietti

L’appuntamento è per giovedì (ore 19-24), venerdì (12-15.30 su accredito e 19-24), sabato e domenica (12-17 e 19-24) all’Auditorium Parco della Musica di Roma (via Pietro de Coubertin 30) e biglietto e modalità di acquisto dei piatti dei menu restano invariati, come ogni formula vincente. Il costo dell’ingresso è di 16 euro, e garantisce accesso e partecipazione agli appuntamenti previa prenotazione tramite il sito web. Sono poi disponibili il biglietto VIP (60 euro) e il nuovo biglietto VIP Diners Club International. Per pagare i prodotti e le consumazioni basta ritirare gratuitamente presso le casse e tutti i Wine Bar la Card Sesterzi (ricaricabile con multipli di 5€).

La Scuola di Cucina a Taste of Roma (Ufficio stampa)

Pronti a un nuovo viaggio alla scoperta di sapori delle eccellenze italiane? Ecco le novità, il programma, gli chef e i piatti da provare a Taste of Roma.

Taste of Roma 2019: il programma

Numerose le attività che animeranno Taste of Roma 2019, come le novità che si aggiungono alle proposte che il pubblico ha imparato ad apprezzare.

La BBQ Experience a Taste of Roma 2019 (Ufficio stampa)
  • La Scuola di Cucina torna a grande richiesta e darà la possibilità di “mettere le mani in pasta” insieme ai grandi chef (su prenotazione).
  • La BBQ Experience offrirà l’incredibile possibilità di migliorare le proprie abilità e di diventare dei Grill Master (su prenotazione).
  • Il Salotto del Vino, con iTRIMANI, permetterà di salire su un vero e proprio autobus del gusto: uno spazio interamente dedicato a tutti coloro che vorranno approfondire i segreti della vigna. Un programma nel programma ricco di appuntamenti imperdibili ogni giorno.
  • [email protected] presenterà numerosi laboratori e attività completamente dedicati ai bambini.
  • Taste Residence by Zacapa, il ristorante all’interno di Taste of Roma, ogni giorno vedrà protagonista uno chef romano che elaborerà, in collaborazione con Franco Gasparri – Master Ambassador Zacapa, un menù esclusivo in abbinamento al Rum Zacapa.
  • Il laboratorio del benessere. Sabato 21 settembre dalle ore 10 alle ore 12, grazie alla collaborazione con l’Associazione Yogineur, sarà possibile “conciliare” cibo, stile di vita e benessere grazie a questa nuova attività.

Per tutti i dettagli e le prenotazioni è possibile consultare il sito della manifestazione.

I piatti da provare a Taste of Roma

Sono 14 i ristoranti e i relativi chef che permetteranno di assaporare la loro idea di cucina, espressa in 4 portate (tutte proposte in abbinamento a un calice di vino perfetto per esaltarne i sapori).

Vi suggeriamo, per ognuno di loro, il piatto del menu che, per DireDonna, non potete assolutamente lasciarvi scappare dal 19 al 22 settembre a Taste of Roma 2019.

  1. OrangEGG, gamberi e guanciale

    Idylio by Apreda – Francesco APREDA – OrangEGG, gamberi e guanciale

  2. La Pergola – Hotel Rome Cavalieri – Heinz BECK – Carpaccio di capesante su spuma di patate con brunoise di zucchine, liofilizzato di barbabietola e caviale Calvisius
  3. Glass Hostaria – Cristina BOWERMAN – Po’ boy con crostacei e ‘nuja
  4. La Terrazza Hotel Eden – Fabio CIERVO – Calamarata cotta in acqua di pomodoro con acciughe marinate al Martini (Ufficio stampa)

    La Terrazza Hotel Eden – Fabio CIERVO – Calamarata cotta in acqua di pomodoro con acciughe marinate al Martini

  5. Faraona, tartufo, acetosella e koji

    Osteria Fernanda – Davide DEL DUCA – Faraona, tartufo, acetosella e koji

  6. Bruschetta di pomodoro, fragole e basilico

    All’Oro – Riccardo DI GIACINTO – Bruschetta di pomodoro, fragole e basilico

  7. Maki di spigola e capesante di Hokkaido al thè verde matcha e tartufo nero, yuzu e miso al nero di seppia, sweet kabù e shishimai

    Sushisen – Yamamoto EIJI – Maki di spigola e capesante di Hokkaido al thè verde matcha e tartufo nero, yuzu e miso al nero di seppia, sweet kabù e shishimai

  8. Lardo di seppia, fichi e balsamico tradizionale

    Acquolina – Daniele LIPPI – Lardo di seppia, fichi e balsamico tradizionale

  9. Mirabelle Hotel Splendide Royal – Stefano MARZETTI – Mangiarancio di foie gras con pan brioche al carrube
  10. La famosa carbonara di Pipero

    Pipero Roma – Ciro SCAMARDELLA – La famosa carbonara di Pipero

  11. Tacos di grano saraceno e alghe, gamberi rosa affumicati, crème fraìche e crauti di cavolo viola all’aceto balsamico

    Enoteca La Torre – Domenico STILE – Tacos di grano saraceno e alghe, gamberi rosa affumicati, crème fraìche e crauti di cavolo viola all’aceto balsamico

  12. Per Me – Giulio TERRINONI – “Colosseo e gladiatori”: pappardelle ripiene di cacio e pepe, totanetti all’arrabbiata
  13. Il Convivio Troiani – Angelo TROIANI – Pappardelle ricotta, burro di canapa, prugne, limone e parmigiano di champignon
  14. Il San Giorgio a Roma – Andrea VIOLA – La scrostata