Dior by Maria Grazia Chiuri per i costumi del balletto del Teatro dell’Opera di Roma

La stilista firma i costumi di una produzione del Teatro dell'Opera di Roma.

Aggiornato il 7 febbraio 2019
Moda

Maria Grazia Chiuri e Dior entrano al Teatro dell’Opera di Roma: ad annunciarlo in conferenza stampa, in occasione della presentazione della stagione 2018-19, Eleonora Abbagnato, direttrice del Teatro dell’Opera di Roma ed étoile dell’Opera di Parigi.
Il 29 marzo 2019 debutta al Teatro Costanzi Serata Philip Glass, un omaggio al grande compositore statunitense composto da quattro titoli: Danzo in tre movimenti, con coreografie di Giorgio Mancini; Hearts and Arrows, con coreografia di Benjamin Millepied, Creazione, coreografo Sébastien Bertaud e Glass Pieces, coreografie di Jerome Robbins.

Eleonora Abbagnato (Photo by Francois Durand/Getty Images)

Il balletto Creazione, che si avvale di scene di Andrea Miglio e appunto costumi di Maria Grazia Chiuri per la Maison Dior, è pensata appositamente per i ballerini del Teatro dell’Opera di Roma e per le due étoile Eleonora Abbagnato e Friedmann Vogel.
Fashion e balletto si incontreranno di nuovo dal 2 maggio, quando il Costanzi ospita per la prima volta Blanche Neige di Angelin Preljocaj: a firmare i costumi è infatti Jean Paul Gaultier.

Incursioni della moda all’Opera, sia nel balletto che nella lirica, non sono poi così peregrine: basti ricordare i costumi di Valentino Garavani e della Maison Valentino (per cui allora lavorava ancora la Chiuri) per la Traviata diretta da Sofia Coppola in un fortunato allestimento al Costanzi (che sarà riproposto dal 12 al 26 gennaio 2019).

All’Opéra Bastille di Parigi, invece, il balletto Peck/Balanchine si è avvalso nella seconda parte, nel “Brahms-Schönberg Quartet” di George Balanchine, delle scene e dei costumi disegnati da Karl Lagerfeld. Indimenticabili, poi, i costumi di Kaiser Karl nello storico allestimento al Teatro La Scala di Milano de I troiani di Hector Berlioz, con la regia di Luca Ronconi e le scene di Ezio Frigerio.

Articolo originale pubblicato il 27 giugno 2018

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Dior