X-Factor 4: è Elio il vincitore morale

Lo conoscevamo come autore e interprete di pezzi dissacranti come “Servi della gleba” e “Il vitello dai piedi di balsa” (in cui duettava con Enrico Ruggeri), ma in realtà è Elio, leader delle Storie Tese, il vero vincitore morale di X-Factor, con una vincitrice (peraltro premio della critica) e un finalista tra i suoi ragazzi.

Ha cambiato travestimenti con una disinvoltura incredibile, per tutte le puntate del talent di Rai 2, diventando da Morgan (il grande assente tra i giudici) a Re con tanto di strascico, passando per Giuseppe Verdi. Nell’ultima puntata Elio è diventato realmente Re Elio, come era stato definito, presentandosi in costume medievale e dicendo:

È dura essere Re, troppi metri di strascico.

A X-Factor, il giudice Elio ha scelto dei talenti originalissimi dalla sua prima eliminata Manuela Zanier, che già aveva partecipato a Sanremo Giovani, alla voce blues di Cassandra Raffaele, fino al finalista Nevruz Joku, talento punk spettacolare, fino alla talentuosa vincitrice Nathalie Giannitrapani.

Nella prima edizione in cui Elio è giudice, è stata infranta la possibilità di Mara Maionchi di avere un vincitore nella sua scuderia, anche se i suoi concorrenti erano penalizzati dal regolamento sulle esibizioni che, fino a una certa età dei concorrenti, non possono andare in onda dopo mezzanotte.

Intanto, tra una puntata e l’altra Elio sciorina le sue sagaci canzoni a “Parla con me”, tra cui l’ormai proverbiale “Bunga bunga“, parodia del “Waka waka” di Shakira ai mondiali di calcio del Sudafrica, ma anche la sua ultima creazione “W la Carfagna”.

Visualizza questo contenuto su