I capelli rosso Tiziano appaiono seducenti, audaci e vivi. Questo colore deve il suo nome al pittore veneto Tiziano Vecellio, maestro del colore cinquecentesco, che ha ritratto in Amor sacro e Amor profano, in Donna allo specchio, nella Maddalena penitente, in Flora, donne con capigliature lunghe e crespe di un biondo dal tono caldo e dorato, tendente al rosso (fisicamente si trattava della stessa modella, soggetto di una serie di dipinti dello stesso periodo).

La tentazione di cedere a una tinta così attraente e sensuale è tanta, ma prima di optare per i capelli rosso Tiziano è importante sapere che, come tutti i colori dalla luminosità particolare, anche questo non sta bene a tutte. Lo hanno portato con disinvoltura, tra le dive dello star system, Susan Saradon, che ha con l’età più matuta giustamente virato su un castano, e Marcia Cross, la casalinga disperata Bree, che con carnagione chiara e occhi verdi si è potuta permettere negli anni diverse nuance di rosso senza apparire mai volgare.

Per capire se il rosso Tiziano è la scelta giusta per cambiare il look è importante valutare due fattori: il colore di base dei capelli e l’incarnato del viso. I capelli rosso Tiziano non stano bene alle bionde troppo chiare, mentre il biondo scuro e il castano sono i colori di partenza perfetti. Le more non partono favorite: invece del rosso Tiziano sarebbero più valorizzate da rossi scuri o da decolorazioni a ciocche che illuminano la chioma come shatush e meches. La carnagione che si armonizza meglio con i capelli rosso Tiziano è la carnagione chiara, mentre i fototipi più scuri e la pelle olivastra li rendono stridenti, poco naturali.

Per questo tipo di nuance è sconsigliabile il fai da te, perché il rischio di approdare per errore alla tinta pel di carota è elevato. Meglio affidarsi a un professionista di fiducia. Occhio, infine, anche al mantenimento: per lavare e trattare i capelli rosso Tiziano lucenti e vibrarsi è opportuno utilizzare prodotti specifici per capelli colorati o arricchiti con hennè.

Foto: Shutterstock