Le sopracciglia sono spesso sottovalutate o relegate a cure marginali, eppure rappresentano una delle parti più importanti del viso: nate per separare la fronte dall’area delicata degli occhi, proteggendola dal sudore, incorniciano il volto e sottolineano le nostre espressioni, le nostre emozioni. Visto il loro importante ruolo è bene tenerle in considerazione, curandole con interventi mirati, primo fra tutti la depilazione; per un risultato perfetto è sempre meglio rivolgersi a mani esperte: una volta individuata la forma appropriata è possibile mantenerla da sole a casa. Nel caso in cui non sia possibile rivolgersi a professionisti, o si preferisse una trattamento fai-da-te, ecco alcuni consigli e accorgimenti per la cura delle sopracciglia.

Per regolarne la forma è opportuno vederle sempre in relazione al resto del volto, in questo modo è possibile evitare gli errori più comuni: sopracciglia con un arco troppo accentuato danno al viso un’espressione perennemente sorpresa, mentre una forma troppo dritta restituisce un’aria triste, quasi arrabbiata. Sempre meglio rispettare il più possibile la loro linea naturale, pur correggendola: sistemare la forma delle sopracciglia è un intervento che richiede la massima attenzione.

Galleria di immagini: Sopracciglia in ordine

Per individuare le forma perfetta delle nostre sopracciglia in sintonia con il nostro viso, possiamo servirci di un oggetto dritto, come una penna o una matita, per individuare delle linee guida da seguire; la distanza fra le sopracciglia dovrebbe essere uguale a quella fra gli occhi: immaginando una linea dritta che unisce l’esterno della narice e l’angolo interno dell’occhio, oppure accostando la nostra matita in verticale lungo il lato del naso, è possibile individuare il punto in cui il nostro arco sopraccigliare dovrebbe cominciare. Sempre con lo stesso metodo, la linea che unisce narice ed angolo esterno dell’occhio segna anche una corretta ed armoniosa lunghezza

Due correzioni molto semplici sono in relazione agli occhi: se risultano eccessivamente lontani l’uno dall’altro è possibile diminuire lievemente lo spazio fra le sopracciglia, avvicinandole di poco, mentre per occhi troppo vicini la distanza può essere leggermente ampliata per aprire lo sguardo; meglio in ogni in caso evitare di togliere la parte alta delle sopracciglia, perché rovina la curva naturale della fronte.

Una volta segnata la nuova forma con una matita ben temperata, per evitare errori, è possibile procedere con la depilazione ricordando che è sempre meglio togliere poco che troppo. Come prima operazione è importante spazzolare le sopracciglia affinché tutti i peli siano in ordine, per evitare il rischio di togliere ciuffetti in eccesso; inoltre, prima di iniziare con la pinzetta è meglio accorciare con le forbicine le sopracciglia troppo lunghe, che altrimenti disturberebbero la forma, col rischio di creare vuoti al centro se tolte.

È consigliabile depilarsi dopo una doccia, quando la pelle è fresca e pulita, rendendo così meno doloroso lo strappo; i peli leggermente rigonfi per l’umidità, inoltre, facilitano l’operazione. Meglio tuttavia procedere prima di applicare creme idratanti o lozioni, in tal modo le pinzette possono afferrare i peli senza scivolare, rimuovendoli più facilmente. Se la pelle intorno alle sopracciglia è sensibile, o per evitare troppi fastidi, è possibile passare un cubetto di ghiaccio per anestetizzare la zona; tenendo ben tesa la pelle circostante durante la depilazione, inoltre, sentirete meno dolore perché l’epidermide non seguirà lo strappo ed il trattamento risulterà più efficace e duraturo perché il pelo verrà tolto dal bulbo.

Non bisognerebbe mai rimuovere le sopracciglia a ciuffetti, ma pelo per pelo, afferrandoli il più vicino possibile alla radice: se questa si trova all’interno del sopracciglio non rimuovete nulla, ma spazzolate e nel caso accorciate con le forbici; mai andare di fretta perché anche solo un paio di peli tolti in eccesso potrebbero rovinare l’intera forma, meglio impiegare più tempo e controllare spesso i progressi dopo pochi strappi.

Lavorate tutte e due le sopracciglia contemporaneamente per ottenere un risultato simmetrico, infine spazzolate di nuovo, mettendo ogni peletto al proprio posto: se preferite sopracciglia piene, spazzolatele verso l’alto, mentre per archi più fini pettinatele nella direzione della crescita. A meno che non siate abituate a ritocchi quotidiani, è preferibile trattare le sopracciglia almeno la sera prima di un’occasione importante, evitando arrossamenti o sgradevoli effetti estetici, ed è sempre meglio occuparsene in tutta tranquillità: utilizzare troppo o in modo scorretto la pinzetta può arrivare a danneggiare i follicoli piliferi, che una volta morti non ricrescono.