Superati i trent’anni, le donne si pongono inevitabilmente l’obiettivo di una pelle sana e luminosa, in modo da mantenersi giovani a lungo evitando di dimostrare l’età effettiva. I prodotti cosmetici sicuramente aiutano, ma spesso è opportuno affiancare loro una serie di trattamenti estetici mirati, per incrementarne l’efficacia e arrivare dove i principi attivi non bastano.

Con l’inevitabile processo di invecchiamento, la pelle tende a ridurre progressivamente la capacità di conservare e di trattenere l’ossigeno, indispensabile per stimolare la crescita delle cellule dermiche e garantirne la vitalità. Se questa concentrazione di ossigeno diminuisce, si avvia il cosiddetto processo di invecchiamento precoce, responsabile diretto della formazione di rughe, eventuali macchie e discromie, pelle spenta, asfittica e priva di tono.

Fortunatamente l’estetica negli ultimi anni ha fatto passi da gigante e in soccorso, per ovviare a questo problema, arriva l’ossigenoterapia viso, un trattamento estetico che sfrutta un’elevata concentrazione di ossigeno puro, nato dallo studio di un gruppo di ricerca statunitense che nel corso degli anni ha perfezionato questa tecnica non invasiva rendendola estremamente efficace contro tutti quelli che sono i segni del tempo maggiormente evidenti sulla nostra pelle.

Ossigenoterapia viso: come funziona?

L’ossigenoterapia viso avviene attraverso un procedimento suddiviso in quattro stadi: viene impiegato ossigeno puro al 98% in grado di nutrire, detossificare e rivitalizzare tutte le cellule che costituiscono gli strati dell’epidermide, sia superficiali che profondi.

Come spiega Sergio Noviello, presidente Simoe – Società italiana medici chirurghi e operatori dell’estetica, il trattamento di ossigenoterapia viso ha inizio con una delicata esfoliazione che agevola una efficace rimozione di cellule dello strato corneo (quello più superficiale) che, essendo ormai cheratinizzate e quindi morte, sono del tutto prive di vitalità e contribuiscono, depositandosi sulla superficie della pelle, a renderla spenta ed opaca.

All’esfoliazione segue l’applicazione di una specifica soluzione utile per detergere e tonificare la cute in profondità, in modo che sia perfettamente preparata al successivo processo di idratazione osmotica che termina infine con l’applicazione di una maschera arricchita di vitamine.

Una volta terminato questo processo preparatorio che incrementa l’idratazione della nostra pelle, con l’ausilio di un’apposita apparecchiatura iperbarica viene veicolato negli strati più profondi della pelle ossigeno puro ad elevata concentrazione (circa 98%), combinato con acido ialuronico, vitamine A, C ed E, amminoacidi e un pool di 87 oligoelementi minerali.

Ossigenoterapia viso: quali sono i benefici?

L’ossigenoterapia del viso incrementa la produzione di collagene e l’elastina, sostanze fondamentali per la salute e la giovinezza della pelle: ciò significa che l’epidermide stessa aumenta la sua elasticità, appare più tonica, compatta e visibilmente più distesa. Grazie all’ossigenoterapia possiamo ottenere anche un lieve effetto schiarente favorendo così l’eliminazione di eventuali macchie e discromie.

Si rivela molto utile anche nel trattamento dell’acne in quanto, andando ad ossigenare e a rivitalizzare le cellule, l’ossigeno puro consente alla pelle di rispondere positivamente a quelli che sono gli agenti responsabili nella formazione di impurità, limitando ed arginando in questo modo eventuali esiti cicatriziali.

ossigenoterapia viso
Ossigenoterapia viso: i risultati (iStock)

 

Ossigenoterapia viso: quando farla?

L’ossigenoterapia del viso viene impiegata ampiamente e con risultati più che soddisfacenti sia nel trattamento dell’acne che contro l’invecchiamento cutaneo.

Nel caso di una pelle tendenzialmente acneica ove l’acne è presente in forma conglobata, il trattamento di ossigenoterapia risulta maggiormente efficace in quanto la pelle stessa presenta naturalmente piccole lesioni che agevolano la penetrazione dell’ossigeno puro all’interno dei tessuti negli strati più profondi, consentendo in questo modo un’azione efficace e a 360°.

L’ossigenoterapia viso però viene impiegata con successo anche come trattamento anti-invecchiamento e ne sono un esempio star di Hollywood quali Jennifer Aniston: permette infatti di distendere notevolmente i tratti del viso, rendere la cute tonica e maggiormente elastica, conferendole nuova luminosità.

In questo caso, però, dato che l’epidermide agisce come una sorta di barriera di fronte all’ossigeno, è necessario creare delle microabrasioni sullo strato corneo in modo che l’ossigeno possa penetrare agevolmente in profondità. Nulla di invasivo o doloroso, in quanto queste piccole abrasioni vengono nella maggior parte dei casi determinate attraverso un particolare processo d’esfoliazione solo leggermente più aggressivo di un classico peeling.

Ossigenoterapia viso: eventuali controindicazioni o effetti collaterali

L’ossigenoterapia viso non rappresenta un trattamento invasivo né chirurgico: tuttavia a fine seduta è possibile notare un leggero rossore e qualche piccolo edema dovuto al rapido rilascio di ossigeno e vitamine. Piccoli disturbi che tendono a scomparire nelle 24 ore successive al trattamento.

A seguito del trattamento non è necessario assumere farmaci o applicare creme specifiche: basta seguire la classica routine cosmetica prediligendo l’applicazione di un filtro solare SPF 30 da utilizzare quotidianamente.

Ossigenoterapia viso: costi e numero di sedute consigliate

L’ossigenoterapia viso deve seguire il naturale turn over cellulare che dura circa 28/30 giorni, di conseguenza sono necessarie almeno 4 o 5 sedute per effettuare così una terapia completa.

I prezzi sono variabili, ma di norma il costo di ogni seduta è variabile tra i 60 e gli 80 euro al massimo, a seconda dei centri in cui il trattamento viene effettuato.

L’ossigenoterapia può rivelarsi molto utile per prevenire l’invecchiamento e migliorare visibilmente l’aspetto della pelle. Naturalmente è fondamentale prendersene cura sotto ogni aspetto, utilizzando quotidianamente i cosmetici più appropriati per il tipo di pelle e mantenendo uno stile di vita sano, caratterizzato da un’alimentazione equilibrata e quanto più varia possibile, bevendo almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.

Importante anche un’adeguata protezione solare, indipendente dall’esposizione diretta al sole: la protezione solare (almeno SPF 30) andrebbe applicata durante tutto l’anno, anche in inverno, perché nemmeno le giornate uggiose e piene di nuvole sono in grado di schermare i dannosi raggi UV.

Proteggere la pelle significa preservarla e mantenerla giovane nonostante l’inevitabile scorrere del tempo. E sono proprio le abitudini quotidiane a riflettersi sulla bellezza. Meglio non dimenticarlo mai e fare tutto il possibile per prevenire i danni dovuti all’invecchiamento. Solo in questo modo ci si potrà permettere di mentire spudoratamente sull’età!

In ultimo, è bene ricordare di affidarsi sempre, per qualsiasi genere di trattamento, a personale esperto e qualificato in grado di indirizzare verso la soluzione più adeguata ed efficace, specificatamente mirata al proprio tipo di pelle.