Naste Beauty, come gli scarti delle mele possono renderci più belle

Da un’idea geniale è nata Naste Beauty, una linea skincare che sfrutta la polpa di mele per produrre cosmetici puliti e ed efficaci per il viso

Pubblicato il 7 luglio 2022
Bellezza

La nuova frontiera della bellezza cerca nella natura i rimedi ai disturbi più comuni. È quello che fa la startup torinese fondata da Lorenzo Picco e Simone Piccolo, sfruttando buccia, semi e polpa della frutta per produrre cosmetici. Il progetto si chiama Naste Beauty e produce cosmetici dagli scarti delle mele.

Come spiegato dagli stessi fondatori a La Stampa, tutto è partito dall’azienda agricola biologica di Simone, Magna Rosa, che tra le sue produzioni conta anche una buona quantità di varietà antiche di mele, nocciole e mirtilli.

Purtroppo più della metà della frutta prodotta viene scartata dalla vendita per difetti estetici, e destinata all’estrazione di succo: quest’ultima però genera a sua volta uno scarto di circa il 40%. Da qui l’idea geniale, arrivata durante il periodo di pandemia dovuto dal Covid, per impiegare diversamente i preziosi scarti.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Reborn Beauty - Circular Beauty Care (@nastebeauty)

Naste Beauty, (delle mele) non si butta via niente

Ma come funziona il processo che trasforma una semplice mela in un cosmetico?

  • Attraverso un procedimento messo a punto in modo specifico, buccia, semi e polpa vengono essiccati per essere trasformati in farina.
  • Successivamente si passa alla reidratazione per ottenere la pasta di mele che costituisce la base dei cosmetici.
  • La pasta di mele viene arricchita con ingredienti naturali, biologici e locali, lavorati attraverso fonti di energia rinnovabile
  • In questo modo tutti i principi attivi vengono concentrati nelle formulazioni.

Naste Beauty è una linea di skincare circolare e naturale che dà una seconda vita alle bucce e ai semi delle antiche mele Piemontesi. Al momento la linea alla mela del brand comprende quattro prodotti:

  • Crema viso leggera e illuminante
  • Siero antiossidante, arricchito con vitamina C e acido ialuronico
  • Detergente per la purificazione della pelle
  • Maschera astringente ideale per pelli impure

Prossimamente si attende l’arrivo di prodotti per il corpo e per i capelli.

Le mele che ci rendono più belle

È risaputo inoltre che le mele sono ricche di sali minerali e vitamine del gruppo B e dal punto di vista cosmetico sono in grado di tonificare, rassodare e prevenire le rughe. Esistono numerosi rimedi “della nonna” e ricette casalinghe, infatti, che impiegano ad esempio la polpa grattugiata delle mele stesa sul viso come maschera di bellezza. Naste Beauty ha preparato e “confezionato” tutto questo, in modo da rendere più semplice per il consumatore l’utilizzo delle mele come rimedio cosmetico.

Anche l’imballaggio e il packaging rispettano la filosofia del brand, l’ambiente e la natura: le confezioni sono infatti costituite da cartone riciclato FSC. Ad occuparsene è una cooperativa sociale di Ciriè (Torino), che si chiama “Dalla stessa parte”.

Naste Beauty, dalle mele ad altri frutti

I prodotti di Naste Beauty sono certificati Aiab – associazione italiana agricoltura biologica, e Taste.

Per via del metodo totalmente replicabile, Naste Beauty potrebbe presto allargare la sua produzione ad altri due scarti di Magna Rosa: mirtilli e nocciole, ma non solo. Simone e Lorenzo stanno testando anche le vinacciole, i chicchi d’uva acerbi scartati per dare nutrimento ai grappoli meno folti.

Per chi è alla ricerca di una cosmesi pulita, naturale e che non abbia un impatto negativo sull’ambiente, Naste Beauty rappresenta sicuramente una valida alternativa, tutta da scoprire.

Seguici anche su Google News!