Ritrovare il peso ideale ma soprattutto tornare a sentirsi in forma: è questa la principale promessa della dieta del gruppo sanguigno. Si tratta di un regime alimentare ideato dal naturopata americano Peter D’Adamo e poi ripreso in Italia dal dottor Piero Mozzi.

Alla base l’idea che il gruppo sanguigno di appartenenza, formatosi durante l’evoluzione della specie, rappresenti una caratteristica fondamentale da tenere in seria considerazione anche quando si parla di dieta e alimentazione.

In cosa consiste dunque la dieta del gruppo sanguigno?

Sostanzialmente nella scelta di determinati alimenti che risultano essere più adatti alle proprie caratteristiche genetiche, espresse appunto dal gruppo sanguigno.

Gli alimenti sono così suddivisi in tre categorie per ciascun gruppo sanguigno:

  • Benefici, ovvero che possono fare bene alla salute.
  • Neutri, che non apportano sostanziali benefici ma non mettono nemmeno a repentaglio la salute.
  • Da evitare, ovvero i cibi che possono nuocere all’organismo.

Secondo la dieta del gruppo sanguigno, dunque, basta seguire queste indicazioni non solo per ritrovare il peso ideale ma anche per stare bene.

Vediamo nel dettaglio quali sono i cibi consigliati e quelli da evitare per ciascun gruppo sanguigno, tenendo conto del fatto che questo regime alimentare non ha alcun fondamento scientifico, e che prima di intraprendere qualsiasi dieta bisogna confrontarsi con un medico nutrizionista.

Gruppo 0 – Il cacciatore

Si tratta di individui dotati di un buon sistema immunitario. A loro è consigliata una dieta ricca di proteine animali come carni rosse, insaccati, pesce ma anche tanta frutta e verdura. Semaforo rosso invece per latticini e cereali.

A chi appartiene al gruppo 0 si raccomanda anche un’intensa e regolare attività fisica.

Gruppo A – L’agricoltore

Il punto debole di questi individui è l’apparato digerente. A loro si raccomanda una dieta per lo più vegetariana oltre che la pratica di una disciplina rilassante come può essere lo yoga.

Vietati i cibi come carne, grano e latte mentre via libera a legumi, frutta, verdura e pesce, purché ricco di Omega 3.

Gruppo B – Il nomade

Alle persone che hanno un gruppo sanguigno A si suggerisce una dieta bilanciata e pressoché onnivora. Possono infatti consumare anche quegli alimenti solitamente sconsigliati agli altri gruppi, come per esempio i latticini.

Via libera anche a carni magre, pesce, frutta e verdura.

Tra gli sport si consiglia il nuoto e la bici.

Gruppo AB – Il moderno

In questo caso la dieta consigliata ha dei punti in comune con quella dei gruppi A e B. Si suggerisce di limitare il consumo di carne rossa, insaccati e pasta in favore di latticini, pesce e ortaggi. Ampia scelta tra le attività sportive consigliate che spaziano dallo yoga al tennis fino a bici e nuoto.

Leggi anche: La dieta detox per dimagrire velocemente  | Dieta Plank: caratteristiche e menu