11 verdure che non gonfiano e i cibi antigonfiore per un pieno di benessere

Pancia gonfia e che fa male? Ecco quali sono le verdure che non gonfiano e che è bene consumare in modo regolare per evitare fastidiosi problemi e mantenersi sempre in perfetta salute.

Pubblicato il 27 gennaio 2023

Capita a molti e spesso non si comprende il motivo, di trovarsi con un senso di gonfiore a livello della pancia, nonostante ci sembri di aver mangiato in modo sano facendo il pieno di verdura, frutta ed evitando i cosiddetti cibi spazzatura. Ma siamo certi di aver mangiato davvero in modo sano ed equilibrato, consumando anche le verdure che non gonfiano la pancia e assicurandole un benessere davvero reale?

Se pensavate che ogni tipologia di frutta e verdura facciano bene al corpo, infatti, sappiate che non è esattamente così. Certo, questi alimenti sono ricchi di tantissime proprietà benefiche per il corpo tra cui vitamine e sali minerali, ma non tutti i vegetali fanno bene allo stesso modo.

Soprattutto se si abbonda troppo con le quantità e se si associano dei cibi che non dovrebbero essere consumati insieme, evitando che questo causi gonfiore alla pancia e tutti problemi associabili a questo disturbo.

Da cosa dipende il gonfiore della pancia?

Ma perché la pancia si gonfia? Le ragioni che possono portare a questo fastidioso disturbo possono essere diverse. In genere, la sensazione di gonfiore a livello della pancia è data da un accumulo di gas nello stomaco o nell’intestino, una sintomatologia che può presentarsi anche con dolori e tensione alla parte e che può essere causato da diversi fattori.

Tra questi, alcune delle ragioni più comuni che possono causare la cosiddetta pancia gonfia sono:

  • un accumulo di stress psicosomatico;
  • l’abuso di sostanze come alcol e fumo;
  • scarsa idratazione;
  • scorretta masticazione degli alimenti (in genere troppo veloce);
  • l’utilizzo di farmaci come antinfiammatori e antibiotici;
  • cambiamenti a livello ormonale;
  • alimentazione scorretta e/o poco equilibrata;
  • fino alla presenza di alcune patologie o problemi di salute, come l’intestino pigro, l’irritazione del colon, gastroenterite, influenza, intossicazioni alimentari, ecc.

Tutte ragioni che possono causare il gonfiore alla pancia. La causa più comune di tutte, però, riguarda l’alimentazione e la tipologia di cibi che si consumano. E non parliamo solo di un abuso di zuccheri, grassi, latticini o alimenti che vanno ad appesantire il corpo e rallentare le sue naturali funzioni, ma anche di quei cibi apparentemente “buoni” di cui però non si fa un uso ottimale.

Gli alimenti che provocano gonfiore

Tra gli alimenti cha maggiormente provocano gonfiore, infatti, ci sono:

  • quelli che contengono dolcificanti artificiali come il mannitolo o il sorbitolo (caramelle, gomme da masticare, ecc.);
  • cibi grassi, come le carni grasse, i cibi fritti, le salse, il burro;
  • cibi raffinati come la farina bianca;
  • i lieviti;
  • le bibite ricche di anidride carbonica.

Ma anche alcune tipologie di frutta e verdura, normalmente amiche dell’organismo, ma che necessitano comunque di particolare attenzione quando le si consuma. Tra i vegetali che contribuiscono al gonfiore della pancia ci sono:

  • i legumi come fagioli, piselli, lenticchie, ecc.;
  • i cavoli;
  • i broccoli;
  • le cipolle;
  • i cavolfiori;
  • le banane;
  • le prugne;
  • la soia.

Tutti alimenti che possono favorire la produzione di gas intestinale e la conseguente sensazione di gonfiore alla parte addominale.

Questo non significa che non devono essere consumati, anzi, ma è bene prestare attenzione a non abusarne, sia nella frequenza che nella quantità, prestando attenzione alle cotture e agli abbinamenti che si fanno e cercando di introdurre nella propria alimentazione anche frutti e verdure che non gonfiano e che vanno a compensare il tutto.

11 verdure che non gonfiano la pancia

Tra queste, le verdure che non gonfiano la pancia e che possono tranquillamente essere consumate per alleviare il problema o per prevenirne la comparsa ci sono:

  • le coste;
  • la lattuga (senza esagerare);
  • le melanzane;
  • i peperoni;
  • i pomodori;
  • la zucca;
  • le zucchine;
  • le carote;
  • i finocchi;
  • gli asparagi;
  • i carciofi.

Ma anche frutti come i kiwi, i mirtilli, le fragole, la mela, l’ananas, l’uva e la banana purché sia bella matura. Sempre preferendo i vegetali di stagione e senza mai esagerare nelle dosi, dopo tutto si sa che il troppo non fa mai bene in nessun caso.

Altri cibi e alimenti che non gonfiano

Oltre alle verdure che non gonfiano, poi, è possibile intervenire con una dieta per sgonfiarsi anche aggiungendo altre tipologie di alimenti utili a prevenire o alleviare il problema.

Per esempio, se si parla di carboidrati, è meglio preferire il grano saraceno, l’avena, il miglio, il riso o il mais (evitando i carboidrati da farine raffinate). Benissimo anche i latticini di capra o di pecora come la feta o il pecorino ma anche alcuni latticini prodotti da latte vaccino come il parmigiano o il grana padano, ovviamente prestando attenzione a non abusarne. Oltre poi agli yogurt sia di latte scremato che vegetali.

In più, si possono consumare senza il rischio di incorrere nel gonfiore anche cibi come le carni magre e il pesce, le uova e fino anche al cioccolato fondente. Così come è possibile, senza che si creino problemi, anche l’uso di condimenti come l’olio di oliva, l’aceto di mele o balsamico, la senape e la salsa di soia ( anche in questo caso senza abbondare) o le spezie come lo zenzero e la curcuma.

7 consigli per evitare il gonfiore addominale

Oltre a controllare ciò che si consuma con l’alimentazione preferendo cibi e verdure che non gonfiano, poi, è importante anche adottare dei comportamenti utili a mantenere sano e al massimo della funzionalità l’intero organismo.

Tra le abitudini che sarebbe bene adottare per evitare il problema della pancia gonfia è sempre bene:

  • imparare a masticare con calma e sufficientemente a lungo, per consentire al corpo di digerire e smaltire meglio ciò che si introduce;
  • bere tanta acqua, almeno due litri al giorno ed evitando le bevande gassate o l’acqua frizzante;
  • non dimenticarsi di fare movimento in modo costante regolare, un modo ottimo per aiutare il corpo a stare in salute e a difendersi da questa tipologia di problemi;
  • evitare di masticare chewing-gum;
  • fare pasti piccoli e ripetuti, 5 al giorno ma di quantità ridotte, evitando di appesantire il corpo e il processo digestivo;
  • bere tisane durante il giorno che aiutano ridurre la fermentazione dei cibi;
  • avere cura di lasciare passare almeno tre ore prima di andare a dormire dopo aver cenato.

Piccoli accorgimenti e abitudini che favoriscono il benessere dell’organismo e vi mettono al riparo dal gonfiore alla pancia, evitando il problema e permettendovi di stare sempre in perfetta salute con il minimo sforzo.

Seguici anche su Google News!