Fidanzati, marito e moglie, conviventi: non c’è storia d’amore in cui, a un certo punto, non si vada alla ricerca di alcuni consigli d’oro per migliorare un rapporto di coppia.

Per quanto una coppia sia affiatata e vada d’accordo, infatti, c’è sempre qualche aspetto da migliorare, come è naturale che sia in ogni tipo di rapporto umano; per contro, ci sono anche situazioni in cui il miglioramento del rapporto è addirittura necessario per la sua sopravvivenza, situazioni di crisi che non possono durare a lungo: o la storia migliora oppure è il momento di lasciarsi definitivamente.

In ogni caso, per migliorare un rapporto di coppia occorre la volontà di entrambi in partner nel percorrere una strada insieme e nel venirsi incontro, cercando di comprendere le ragioni dell’altro e di non far mancare mai il dialogo per esprimere le proprie, senza naturalmente dimenticare i piccoli gesti quotidiani in grado di far esprimere il proprio amore anche nella vita di tutti i giorni, tra i tanti impegni di lavoro, figli, casa e famiglia.

Vediamo, allora, 10 consigli d’oro per migliorare un rapporto di coppia da cui lasciarsi ispirare.

  1. Consolidare l’amicizia col partner. Prima che il vostro amore, fate del vostro partner un amico, con cui fare cose piacevoli, divertenti, con cui trovare interessi in comune ma anche parlare di ciò che vi preoccupa, o più banalmente a cui potete raccontare la vostra giornata in ufficio, condividendo riflessioni e pensieri.
  2. Apprezzare il partner. Un complimento sincero o un ringraziamento non sono mai scontati, fanno sempre piacere e sono in grado di “fare miracoli” nel migliorare i rapporti di coppia, perché il partner si sentirà molto più apprezzato.
  3. Concentrarsi sul presente. La capacità del rapporto di superare i momenti difficili ha molto a che fare con la disponibilità reciproca “qui e ora”. Col tempo i partner tendono ad allontanarsi e a disinteressarsi l’uno dell’altro, limitando i contatti a progetti per il pranzo della domenica o per le vacanze. Per costruire un rapporto solido, iniziate a dare peso anche ai momenti più ordinari: se per esempio il partner vi legge l’avvio di un articolo di giornale che trova interessante, ascoltatelo, invece di liquidarlo con un cenno di capo, così saprà che siete lì per lui, in quel momento.
  4. Non fissarsi sugli aspetti negativi. Le coppie infelici si concentrano spesso solo sugli aspetti negativi del rapporto, fissandosi in maniera irremovibile. Può essere utile, quando il partner fa qualcosa che ci appare negativo, provare a trovare una spiegazione più neutra per le sue azioni. Un’altra strategia è quella di prendere in considerazione come ci si potrebbe sentire a essere a nostra volta giudicati così duramente nei suoi panni.
  5. Condividere i successi. Condividere i successi dell’uno e dell’altro insieme – grandi o piccoli che siano – è linfa vitale e positiva per il rapporto, soprattutto se i partner si parlano e si consigliano spesso, sapendo quindi che si tratta di una vittoria in qualche modo per tutti e due e per la coppia.
  6. Trovare obiettivi comuni. Una recente ricerca inglese ha dimostrato che le coppie che condividono i sogni e gli obiettivi sono più durature e hanno relazioni più soddisfacenti. Se non li avete dunque, trovateli. Non deve trattarsi per forza di grandi progetti, come mettere su famiglia, ma anche solo di fare un corso di pasticceria insieme, programmare un viaggio on the road o di rinnovare l’arredo di tutta la casa, una stanza per volta, girando per negozi e mercatini.
  7. Valutare la rabbia. Le esplosioni di rabbia sono comuni anche nelle relazioni sane, durante le discussioni, ma quando la rabbia diventa una parte radicata della vita di coppia, è il caso di valutare quale tipo di sentimenti, mancanze, problemi ci siano sotto, per cercare di risolvere la situazione.
  8. Rompere gli schemi negativi. Spesso, nelle coppie di lunga data, si instaurano degli schemi negativi di conflitto, che per esempio prevedono che uno dei due partner sia molto incalzante nella lite e che l’altro invece si ritiri per evitare lo scontro. Cercate di scardinare questi modelli negativi, invertendo i ruoli e tentando di vedere i problemi da diverse angolazioni, insolite per voi.
  9. Concentrarsi su ciò che è risolvibile. Quando i problemi sembrano insormontabili e le differenze inconciliabili, dividete la questione in problemi più piccoli e cercate di risolverli nel dettaglio, pianificando insieme eventuali soluzioni da mettere in pratica.
  10. Accettare l’irrisolvibile. Corollario del consiglio precedente: per rendere migliore il rapporto è importante accettare l’irrisolvibile, essere consapevoli che ci sono cose su cui – forse – non si andrà mai d’accordo e imparare a fare alcune piccole concessioni all’altro.