L’amante perfetta per un uomo? Docile e mansueta

Angelica, affettuosa e con poche pretese: questo è il ritratto dell'amante perfetta per gli uomini contemporanei. La bellona sexy che fine ha fatto?

Amore

Ogni donna ha un tot di potenziali rivali dalle quali guardarsi le spalle, ragazze attraenti, formose, sexy e soprattutto disponibili. C’è una donna che corrisponde a questa tipologia in ogni ufficio, pronta a mettere le mani sul collega accasato ma non troppo ligio alla fedeltà coniugale.

È questo il ritratto dell’amante perfetta? Nell’immaginario femminile è senza dubbio così, e per quanto ci si senta sicure dell’amore del partner il timore del triangolo è sempre in agguato. A quanto pare nessun luogo di lavoro è sicuro, soprattutto se popolato da belle ragazze giovani e attraenti.

Secondo alcuni sondaggi recenti, tuttavia, questo tipo di bellona supersexy è protagonista solo dei sogni erotici degli uomini contemporanei, che invece nella realtà sono più propensi a tradire mogli e fidanzate con la donna comunemente chiamata gatta morta, vale a dire apparentemente angelica e tutt’altro che aggressiva.

Una sorta di Beatrice dantesca che incarna l’immagine della femminilità fragile e bisognosa di cure, di protezione e affetto. Questa è l’amante ideale secondo i risultati di un’indagine condotta dall’agenzia di incontri online Eliana Monti, e queste sono le parole con le quali quest’ultima commenta i dati.

“Siamo di fronte alla riscossa delle gatte morte verrebbe da dire, guardando i dati di questo sondaggio gli uomini non cercano più la donna sessualmente disinibita, bensì sentono il bisogno di confrontarsi e lasciarsi conquistare da figure più vicine alla visione angelica del Dolce Stil Novo, single non particolarmente appariscenti, ma dolci e affettuose.”

Per ben il 26% degli intervistati l’amante perfetta è proprio colei che risulta essere diametralmente l’opposto della propria compagna, mentre il 48% ha dichiarato che la tradirebbe volentieri con la ragazza della porta accanto, la buona amica, la spalla su cui piangere.

Che sia una collega di lavoro o una partner occasionale incontrata per caso poco importa, tuttavia il requisito indispensabile per un uomo è che l’amante non abbia troppe pretese, e che non desideri qualcosa di più che una relazione extraconiugale clandestina.

“Più la relazione extraconiugale è complessa, maggiore è il rischio che l’uomo scelga di non imbarcarsi nelle logiche del tradimento. Questo spiega perché l’amante oltre a essere docile è preferibile che sia già ella stessa impegnata, in modo da fugare qualsiasi eventuale richiesta di qualcosa in più rispetto a un’avventura mordi e fuggi.”

Dove sono andate a finire le segretarie sexy delle commedie anni ’70?