La cipria è uno dei prodotti di bellezza per il make-up più sottovalutato, e quindi generalmente meno usato, dalle donne quando invece dona un aspetto vivace, estremamente aggraziato e hot. L’importante è saperlo scegliere a secondo delle proprie esigenze.

La cipria, o blush, è sottovalutata nell’uso e di conseguenza anche nelle caratteristiche per cui lo si sceglie;i solito ci si ferma al colore, senza considerarne la consistenza mentre la peculiarità iniziale più importante è proprio stabilire se per la propria pelle e le condizioni esterne sia meglio in polvere o in crema. Secondo i make-up artist quella in polvere va applicata come ultimo ritocco: non solo, naturalmente, dopo aver steso il fondotinta, ma anche dopo aver steso sopra il fondotinta una polvere traslucida; in questo modo il blush non rischia di infilarsi nei pori e concentrarsi in piccole macchie, ma si applica efficacemente scivolando sulla polvere traslucida. In linea di massima la cipria in polvere è più indicata per pelli grasse o miste ma quando però la stagione si fa troppo calda, è più adatta la versione in crema.

Il blush in crema ha un pregio non da poco: contrariamente a quello in polvere, il rischio di esagerare è molto più basso, riuscendo molto meglio a tamponare gli eccessi di colore anche se si potrebbe incorrere in una brillantezza di troppo, al limite dell’effetto lucido, tanto da rendere il blush in crema più adatto per pelli secche. Ma anche in questo caso è facile correre ai ripari: basta una passata di polvere trasparente sopra, per ritrovare la giusta tonalità opaca.

Un trucco per stendere al meglio la cipria in polvere è non usare il pennello che si trova nella confezione, di solito piuttosto piccolo, ma usarne uno grande, come quello per la polvere traslucida, ma non lo stesso, per evitare residui di uno o dell’altro make-up. Infine alcuni suggerimenti per quanto riguarda il colore. L’ideale è trovare la tonalità della propria pelle ed esaltarla, perciò bisogna considerare le proprie gote durante uno sforzo, magari dopo un’ora di palestra, e scoprire se si tende più verso il pesca o il rosa. oppure scegliere il colore in base alla tonalità della pelle, o delle labbra. Per pelli molto chiare è più adatta una sfumatura di rosa, per le più scure o olivastre meglio una gradazione del pesca.

Fonti: Bellasugar, About