La stagione fredda segna l’arrivo di raffreddori, febbre, tosse e naso chiuso che possono manifestarsi spesso nei neonati e bambini, soprattutto quando frequentano nido o scuola d’infanzia. In caso di infezioni virali delle vie respiratorie è sempre bene consultare il pediatra, tuttavia una mamma può alleviare i sintomi più fastidiosi con piccoli trucchi e accorgimenti naturali.

Si dice che il raffreddore duri in media una settimana, sia che venga curato sia che lo si lasci sfogare e fare il suo corso senza assumere medicinali. Tralasciando terapie con aerosol, sciroppi e spray vari, da somministrare sempre sotto in controllo del medico, ecco cinque rimedi utili per aiutare i bimbi a respirare meglio, soprattutto nelle ore notturne.

Galleria di immagini: Raffreddore bambini

La prima cosa da fare, anche più volte al giorno, è il classico lavaggio nasale. I piccolissimi, infatti, non sono in grado di soffiare in nasino generalmente fino al terzo anno di età, pertanto è necessario liberarlo dal muco usando un aspiratore nasale (una pompetta acquistabile in farmacia, munita di ricambi monouso). Questa azione va eseguita dopo aver spruzzato dentro ciascuna narice alcune gocce di soluzione salina, o comune acqua fisiologica.

Per facilitare la respirazione è preferibile umidificare l’aria degli ambienti domestici, soprattutto nella stanza dove dorme il bimbo. Un metodo semplice ed efficace per liberare dal catarro le vie respiratorie è anche far stare il bambino nella stanza da bagno a contatto con molto vapore, dopo aver fatto scorrere per un po’ di tempo acqua caldissima.

Il momento del sonno è il più critico della giornata, anche perché i sintomi del raffreddore si acuiscono stando sdraiati. Può essere utile sollevare il cuscino del piccolo in modo che la testa stia abbastanza in alto, magari inserendo un piccolo rialzo sotto il materasso.

Sempre per la notte, per rendere più sana l’aria nelle camere da letto si possono usare alcune gocce di oli essenziali balsamici diluite nell’acqua degli umidificatori dei caloriferi (l’olio 31, ad esempio, o l’olio del Re).

Un ottimo rimedio per disinfettare le fosse nasali è dato dalle gocce di argento proteinato, una sostanza delicata che asciuga le mucose, da usare dopo aver liberato in naso con un lavaggio.