Monica Vitti ha compiuto novant'anni (e la Rai la celebra con un documentario)

La vita artistica e personale dell'attrice è raccontata in una produzione di Fabrizio Corallo, presentata in anteprima alla Festa del cinema di Roma, che va in onda venerdì 5 novembre alle 21.20 su RaiTre.

Pubblicato il 5 novembre 2021
Spettacolo

Monica Vitti ha compito novant’anni il 3 novembre e la Rai, oltre ad una programmazione serrata dei film più iconici della nota attrice, propone un documentario, Vitti d’arte, Vitti d’amore, – con chiaro riferimento alla Tosca di Puccini che ne ripercorre la vita artistica e personale. Diretto da Fabrizio Corallo, e presentato in anteprima alla Festa del cinema di Roma, va in onda venerdì 5 novembre alle 21.20 su RaiTre.

Nel documentario, prodotto da Dazzle Communication e Indigo Film con Rai Documentari, si susseguono le voci e le testimonianze di amici scrittori e protagonisti del cinema italiano, da Paola Cortellesi a Michele Placido, da Enrico Vanzina a Citto Maselli, da Barbara Alberti a Laura Delli Colli, da Enrico Lucherini a Christian De Sica, da Carlo Verdone a Sandro Veronesi e Giancarlo Giannini.

Il documentario, che si apre e si chiude in una Villa Borghese vuota, contiene anche spezzoni di film che hanno fatto la storia del cinema italiano, a cominciare dalle prime pellicole con Michelangelo Antonioni ad esempio, o dalle esperienze teatrali con Bice Valori e Paolo Panelli. Tra i tanti ci sono L’avventura, La Notte, L’eclissi, Deserto Rosso. E poi avanti con gli spezzoni della Vitti “come regina della commedia“.

Ma non c’è solo il documentario: la Rai infatti ha omaggiato l’attrice anche con una raccolta di immagini e filmati d’epoca tratti da Rai Teche e resi disponibili sul portale di Rai Cultura: da Ti conosco mascherina, una delle prime trasmissioni della televisione italiana, fino all’intervista sul set cinematografico de La ragazza con la pistola, insieme al maestro Monicelli.

Icona di cinema e teatro italiani unica nel suo genere, dal 2002 Monica Vitti non è più apparsa in pubblico, protetta, nella malattia degenerativa che l’ha sottratta alla vita sociale dall’indiscrezione dei più, dall’amato marito Roberto Russo.

Seguici anche su Google News!