Ombretto effetto bagnato: come si applica

L'ombretto effetto bagnato, oltre a garantire una lunga durata, illumina lo sguardo: ecco la guida che illustra la sua corretta applicazione.

Aggiornato il 4 aprile 2019

Ombretto effetto bagnato: come applicarlo? Da qualche anno, infatti, l’ombretto wet va molto di moda: protagonista di servizi fotografici e di sfilate, l’ombretto effetto bagnato è infatti in grado di illuminare gli occhi, rende i colori più decisi e intensi e fa sì che lo sguardo sia magnetico. Adatto soprattutto per un look da sera, l’ombretto effetto wet garantisce anche una durata più lunga.

Applicarlo nella maniera corretta è molto facile: basterà seguire questi semplici passi.

  • Scegliete l’ombretto giusto. Non tutti gli ombretti sono ideali per l’utilizzo da bagnati. I più indicati sono gli ombretti cotti, ricchi di pigmenti brillanti, e quelli in polvera libera. In ogni caso fate attenzione alla dicitura che trovate sulla confezione: quelli adatti a ottenere l’effetto bagnato riportano la scritta wet and dry. Inoltre, sono da preferire i colori molto chiari che ricordino l’acqua e la luce o metallizzati. Un’alternativa può essere utilizzare la vasellina o gloss per occhi.
  • Scegliete il prodotto giusto per inumidire l’ombretto. Per ottenere l’effetto wet, dovrete far sì che l’ombretto risulti bagnato. Potrete sicuramente usare un po’ d’acqua, anche se un fissatore per make-up in spray, un tonico (sempre in spray) o un gel d’aloe sono da preferire.
  • Bagnate il pennello. Un errore da evitare è bagnare direttamente l’ombretto: così facendo andrete ad alterare la sua formulazione e lo rovinerete. Inumidite invece solo il pennello e prelevate un po’ di ombretto, meglio se da un angolo della cialda.
  • Non spalmate l’ombretto bagnato. La tecnica consigliata per applicare al meglio l’ombretto effetto bagnato è picchiettarlo bene solo sulla palpebra mobile – soprattutto al centro – per far aderire il colore. Bisogna fare attenzione a non andare troppo vicino alle pieghe dell’occhio per evitare la formazione di linee di colore veramente antiestetiche.
  • Utilizzate poco trucco. Attenzione anche a non caricare troppo, usando molto ombretto. Una volta asciutto, infatti, inizierà a sgretolarsi ed quindi bene evitare che cada sul viso.
  • Aspettate un po’ prima di sfumare. Sfumare l’ombretto bagnato appena applicato sarà abbastanza difficile, quindi attendete qualche momento con l’occhio chiuso prima di sfumare l’ombretto.
  • Se utilizzate gloss o vasellina, non applicate ombretto. Se optate per la soluzione alternativa, applicate direttamente il gloss o la vasellina (per un effetto nude) sulla palpebra, senza ombretto, per evitare il suddetto risultato antiestetico di colore nelle pieghe dell’occhio.

Articolo originale pubblicato il 12 agosto 2016

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Ombretti