La storia di Stephen Hawking, protagonista del film La teoria del tutto

È stato uno degli scienziati più importanti al mondo, grazie a suoi studi sull'origine dell'universo e sui buchi neri. Nel 2015 la sua vita è stata raccontata in un biopic, candidato a cinque premi Oscar.

Pubblicato il 24 settembre 2021
Spettacolo

La teoria del tutto è un film del 2015, diretto da James Marsh e intrepretato da Eddie Redmayne. Si tratta di un biopic dedicato a Stephen Hawking, uno dei più grandi scienziati al mondo, conosciuto soprattutto per i suoi studi sui buchi neri e sull’origine dell’universo. La pellicola è tratta dal libro biografico Verso l’infinito, scritto da Jane Wilde Hawking, la prima moglie del fisico, e va in onda il 26 settembre si Iris. Per la sua interpretazione, Redmaye si è aggiudicato il premio Oscar come miglior attore protagonista, e il film ha ottenuto altre quattro candidature.

Stephen Hawking è nato a Oxford nel 1942, e negli anni della sua infanzia non si è rivelato uno studente modello come ci si potrebbe aspettare: era pigro, svogliato e aveva qualche difficoltà ad imparare a leggere. Tuttavia, a soli diciassette anni si è iscritto alla prestigiosa Università di Oxford, alla facoltà di fisica e chimica. In realtà, avrebbe voluto studiare matematica, ma non gli è stato possibile. A vent’anni si era già laureato con lode, ed è passato al corso di cosmologia a Cambridge, per poi laurearsi in scienze naturali e ottenere un dottorato in matematica applicata e fisica teorica.

Nel 1963 ha iniziato a manifestare i primi sintomi della malattia che gli è poi stata diagnosticata: sclerosi laterale amiotrofica (SLA), che l’ha costretto ad una vita sulla sedi a rotelle. Secondo i medici, gli sarebbero rimasti pochi anni di vita, ma non è andata così. Nonostante i problemi di salute, Hawking si è sposato con Jane e da lei ha avuto tre figli, Robert, Lucy e Tim, e ha continuato i suoi importanti studi cosmologici, presentando una nuova teoria sull’inizio e la fine dell’universo. Nel 1985, però, lo scienziato ha avuto una grave polmonite, che gli ha fatto perdere anche l’uso della voce.

Poco dopo l’ingegnere David Mason ha progettato un sintetizzatore vocale, in grado di dare voce a Hawking. Mason è il marito di Elaine, infermiera personale di Hawking per molti anni, di cui il fisico si era innamorato. Dopo il divorzio dalla prima moglie, infatti, lo scienziato ha sposato proprio la sua infermiera, da cui però si è separato nel 2006. Purtroppo, Stephen Hawking è scomparso nel 2018, nella sua casa di Cambridge.

Seguici anche su Google News!