Gioco molto popolare negli anni Novanta, è tornato di moda riscuotendo un grande successo anche oggi tra i bambini di tutte le età: parliamo dello slime.

Lo slime è una sostanza appiccicosa e molle, dall’aspetto definito spesso “disgustoso” (è anche per questo che diverte moltissimo i bambini) e che può essere attaccata a qualsiasi superficie e prendere tutte le forme possibili senza mai perdere elasticità.

Nello slime che si trova in commercio, la classica consistenza molliccia è dovuta al suo ingrediente principale, ovvero la gomma di Guar, un elemento colloso ricavato da una pianta particolare.

Perché i bambini ne vanno matti? Perché lo slime, in Italia venduto anche con l’eloquente nome di Skifidol, può essere maneggiato all’infinito con facilità, può essere fatto colare da diverse superfici e anche essere tirato da una mano all’altra dando un’impressione decisamente sinistra.

Quello che forse in poche mamme sanno, però, è che l’appiccicosa sostanza amata dai bambini può essere fatta anche a casa in pochi e semplici passaggi. L’importante è utilizzare solo sostanze non tossiche così da non esporre i piccoli ad eventuali rischi.

Le ricette per preparare  uno slime hand-made sono tantissime, la maggior parte di queste si trovano sul web e richiedono l’utilizzo della borace. La borace è un particolare composto in polvere presente in molti detersivi e detergenti per la casa e utilizzato anche nelle tintorie proprio con lo scopo di smacchiare i vestiti. L’unico problema è che non è facile trovarla allo stato puro, se non in qualche farmacia.

L’idea migliore, allora, è sostituire la borace con del comunissimo e profumatissimo borotalco.

La ricetta? Eccola, facile e super veloce:

  1. Per preparare lo slaime in casa servono: 150 ml di colla vinilica, 5 gocce di colorante alimentare della tonalità preferita e 70 gr di borotalco.
  2. Basterà mescolare insieme i singoli ingredienti per vedere comparire sotto i propri occhi un disgustosissimo slime: l’idea giusta per un piovoso pomeriggio in casa per intrattenere i bambini.
  3. Infine, mai dimenticare che è meglio non dare lo slime, nemmeno quello fatto in casa, a bimbi sotto i tre anni, che potrebbero portarlo alla bocca e ingerirlo pericolosamente.