Barbie: arriva la bambola calva e quella con la vitiligine

Dopo le fashion doll sulla sedia a rotelle e con la protesi alla gamba, ecco le novità di quest'anno.

Pubblicato il 29 gennaio 2020

Barbie diventa sempre più inclusiva, e continua il suo processo di modernizzazione mettendo sul mercato la bambola calva e quella con la vitiligine. Le due novità assolute della linea Fashionistas si uniscono alla Barbie sulla sedia a rotelle e quella con la protesi alla gamba in commercio dallo scorso anno.

Barbie ha sempre seguito o addirittura anticipato i tempi, fin dal 1996 quando realizzò la prima bambola sulla sedia a rotelle, ricommercializzata in una nuova versione nel 2019.

Nel 2016 la svolta definitiva: Barbie non è più solo in forma e lungilinea, ma diventa anche Curvy (più in carne), Tall (alta) e Petite (bassina). Boom di vendite, che riportano Barbie in cima alla lista dei giocattoli più acquistati negli ultimi due anni, grazie anche alle pubblicità gender free per bambine e bambini.

Ora ecco arrivare altre due novità, già attesissime da grandi e piccini: Barbie calva e Barbie con la vitiligine. Le due fashion doll saranno in commercio questa primavera in Italia, e abbracciano la linea di inclusività di Barbie, sempre più multi etnica e differente.

Per la verità Barbie senza capelli viene già prodotta dagli anni 2010, ma esclusivamente per i bambini in degenza in ospedali pediatrici. Dopo l’ampia ricerca che ha dimostrato quanto i più piccoli abbiano apprezzato il prodotto, è giunto il momento di metterle sul mercato. Ogni bambina o bambino si vede finalmente rappresentato, Barbie non è più sinonimo di perfezione ma di normalità, come è giusto che sia oggi. Dopo le Inspiring Women, la linea dedicata alle donne del passato che hanno fatto la storia, il passo successivo è la rappresentazione della società moderna.

You Can Be Anything, “puoi essere ciò che desideri“, è questo il motto di Barbie, e oggi a 60 anni dalla sua messa sul mercato, queste parole dimostrano che infondo non è mai stata solo un giocattolo, ma una vera icona rappresentativa dei tempi che ha attraversato.

Seguici anche su Google News!

Credits foto: