Perchè la bolla di Bichat è il nuovo trend della chirurgia estetica

Così simpatico nelle guanciotte dei bambini, può essere un particolare anti-estetico ma anche fastidioso: ecco come intervenire

Pubblicato il 9 novembre 2020
Bellezza

La bolla di Bichat o bolla del Bichat, detta volgarmente anche “pallottola”, non è altro che il tessuto adiposo che forma le guance: se in eccesso, in alcuni casi deve o può essere operato, per questo è bene capire nel dettaglio cos’è e come si effettua l’intervento.

Questa caratteristica deve il suo bizzarro nome a Marie François Xavier Bichat, chirurgo e fisiologo francese vissuto tra il 1771 e 1802. A lui si deve la scoperta che gli organi del corpo umano sono costituiti da tessuti e, proprio per questo motivo, viene considerato uno dei fondatori dell’istologia moderna. Inoltre, grazie all’opera L’Anatome générale, può essere annoverato tra gli iniziatori dell’anatomia patologica. Da lui prende il nome o solo questo corpo adiposo situato nello spessore muscolare della guancia, ma anche la fenditura o fessura cerebrale di Bichat, un profondo solco impari alla base del cervello, attraverso cui la pia madre (membrana sottile che racchiude il liquido cerebrospinale e protegge il cervello) penetra nella massa emisferica.

La bolla è spesso presente nelle “guanciotte” dei bimbi, ma con il tempo può snellirsi e non rappresentare più un problema. Le sue cause possono essere genetiche, casuali (per una conformazione durante lo sviluppo) o dovute a difetto di masticazione.

Quando si interviene sulla bolla di Bichat?

Si decide di intervenire chirurgicamente sulla bolla di Bichat nel caso in cui:

  • l’asimmetria tra le due guance risulti troppo evidente;
  • la massa non permetta una corretta masticazione;
  • si provi disagio (in parte può essere attenuato grazie a un make-up effetto contouring).

Dopo essersi rivolti al medico curante, in questi casi è opportuno ricercare un consulto con un dentista, meglio se specializzato anche in chirurgia maxillo facciale, e con un chirurgo plastico. Lo specialista, dopo l’anamnesi e un’accurata valutazione del caso e degli esami eseguiti, propone eventualmente una soluzione chirurgica per eliminare il problema. Il risultato è una forma del viso più armoniosa e simmetrica.

Si tratta di un vero e proprio trend e di uno degli interventi estetici più richiesti, soprattutto a Hollywood. Infatti, sono molte donne (non solo giovanissime) che vogliono apparire con zigomi pronunciati per avere un volto più scavato e occhi allungati. I modelli di riferimento? Da Angelina Jolie e Jennifer Lopez a Bella Hadid ed Emily Ratajkowski.

Solitamente vengono prese in considerazione solo le richieste di pazienti tra i 18 e i 50 anni circa. Questo perché fino a 18 anni l’organismo è ancora fase di crescita e, quindi, il grasso facciale potrebbe sparire naturalmente, per l’assottigliarsi fisiologico del viso durante l’adolescenza; anche dopo i 50 anni il grasso facciale tende a diminuire e i tessuti ad assottigliarsi per natura.

Come si effettua l’intervento

Possono effettuare l’intervento sulla bolla di Bichat diversi specialisti: il dentista, il chirurgo maxillo facciale, il chirurgo estetico. La scelta è personale, ma dipende anche dai risultati che si desidera ottenere. Puntare sulla medicina estetica, ovviamente, significa rivolgersi a un professionista che ha un occhio particolare per l’armonia del volto e una sensibilità estetica spiccata.

L’intervento per l’eliminazione della bolla del Bichat è una procedura abbastanza semplice e relativamente rapida, che si effettua solitamente in anestesia locale, salvo casi particolari.

Il chirurgo pratica una piccola incisione all’interno della guancia e procede con lo svuotamento del grasso in eccesso. Si procede, poi, con i punti di sutura, generalmente riassorbili e che, quindi, non necessitano di un secondo step per la rimozione. Se l’intervento è realizzato in anestesia locale, il paziente subito dopo può tornare alle normali attività quotidiane. In ultimo, il medico effettua un controllo a distanza di alcuni giorni.

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Chirurgia Estetica