Parma Capitale della Cultura 2020: eventi e programma

Tutti gli appuntamenti da non perdere in città tra arte, spettacoli e, naturalmente, musica.

Tempo Libero

Arte, spettacoli e, naturalmente, musica sono protagonisti degli eventi in programma per Parma Capitale della Cultura 2020.

Dopo un anno in cui i riflettori sono stati puntati su Matera, capitale europea della cultura 2019, la “Piccola Parigi”, come la chiamano i suoi cittadini, ha in serbo tantissime sorprese. Che verranno presentate ufficialmente dall’11 al 13 gennaio 2020. Una tre giorni con cerimonia istituzionale d’apertura di domenica al Teatro Regio impreziosita dalla visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

La nostra redazione vi svela gli appuntamenti imperdibili e lo spirito dell’iniziativa che per tutto l’anno coinvolgerà la città di Giuseppe Verdi e Arturo Toscanini.

Teatro Regio di Parma (Ufficio stampa)

Cosa sapere su Parma Capitale della Cultura 2020

Il claim coniato per Parma 2020 è “La cultura batte il tempo”. Slogan che si unisce idealmente a quello pensato dalla Presidente di Destinazione Turistica Emilia, Natalia Maramotti. Un trait d’union per tutto ciò che accadrà durante l’anno non solo a Parma, ma anche Piacenza e Reggio Emilia.

Il 2020 sarà un anno importante per la Destinazione Turistica Emilia che, prendendo energia dal baricentro di Parma Capitale italiana della cultura, ha l’ambizione di chiudere il carrello e spiccare il volo definitivo verso la sua attrattività internazionale”, spiega la Maramotti. “Sarà un anno per raccontare Parma, Piacenza e Reggio Emilia anche attraverso i numeri. Oltre 500 sono ad oggi gli eventi più significativi che accompagneranno i visitatori a scoprire, tramite il veicolo della cultura, la bellezza del territorio e la straordinaria qualità dell’enogastronomia di Emilia 2020”.

Parma Capitale della Cultura 2020: eventi e programma

Destinazione Turistica Emilia, Parma, “Time Machine”, Douglas Gordon, 24 Hour Psycho (Ufficio stampa)
  • Galleria San Ludovico, “Noi, il cibo, il nostro pianeta”. Un percorso espositivo pensato per coinvolgere e interagire con i visitatori, attraverso esperienze multimediali, aree didattiche e fotografie di grandi autori sul tema dell’ambiente, dell’alimentazione e della sostenibilità. L’itinerario non rimane confinato all’interno della galleria ma si snoda con i laboratori per gli studenti allo Spazio A e con una sezione fotografica, visitabile fino al 22 marzo, sotto i Portici del Grano. Dall’11 gennaio al 13 aprile 2020
  • Palazzo del Governatore, “Time Machine – Vedere e sperimentare il tempo”. Una riflessione sul ruolo dei media nella nostra percezione del tempo e dello spazio. Cinema, video e videoinstallazioni diventano “macchine del tempo”. Si viaggia grazie a archivi, forme di viaggio nel tempo e mezzi di manipolazione temporale attraverso tecniche come l’accelerazione e il rallenty, l’inversione e il loop, il time-lapse, il flash-back e il flash-forward. Dal 12 gennaio al 30 maggio 2020
  • Palazzo Pigorini, “Parma è la Gazzetta. Cronaca, cultura, spettacoli, sport: 285 anni di giornalismo”. Un’occasione per scoprire la vicenda del più antico quotidiano italiano, pubblicato con continuità a partire dal 1735, e la parallela storia della città di cui porta il nome. Esposta una selezione di prime pagine affiancate a oggetti memorabili ed emblematici. Dal 13 gennaio al 15 marzo 2020
  • Antica Farmacia e a Palazzo Ducale, Rebecca Louise Law. A Parma si tiene la prima esposizione personale italiana dell’artista britannica, famosa per le sue installazioni realizzate con materiali naturali. Curata da OTTN Projects, la mostra è parte del progetto PHARMACOPEA di Davines e Chiesi Farmaceutici. Un viaggio attraverso la cultura botanica della città. Il 28 febbraio
  • Palazzo del Governatore, “Opera!”. Una mostra che non poteva mancare nella città della lirica, che si propone di esemplificare le dinamiche e i meccanismi del mondo operistico fuori e dentro il teatro, in un viaggio tra fotografie, carteggi, documenti multimediali e registrazioni storiche, articoli di giornale, bozzetti, figurini e costumi. L’obiettivo è penetrare e comprendere l’identità della vita sociale e culturale di un paese intero, attraverso Parma, la nazione e il suo rapporto con una forma d’arte, che qui significa soprattutto Verdi. Dal 19 settembre 2020 al 13 gennaio 2021
  • Complesso monumentale della Pilotta, “I FARNESE: le arti e il potere. Architettura, pittura e meraviglia. Da Papa Paolo III a Elisabetta Farnese Regina 1513-1731”. Un faro sulla committenza dell’illustre casata che seppe cogliere la potenza delle arti come strumento di affermazione dinastica e creazione di un’identità signorile tra Rinascimento e Barocco. La mostra si articolerà in diverse sezioni, con opere provenienti da collezioni pubbliche e private italiane ed europee. Non mancheranno capolavori un tempo ospitati nei palazzi laziali ed emiliani della famiglia. Dal 21 ottobre 2020 al 13 gennaio 2021

Credits foto: