Pearl Harbor, tutto sul film con Ben Affleck in onda su Nove

La pellicola, trasmessa il 26 settembre, racconta una storia d'amore ambientata nei giorni del tragico attacco aereo giapponese al porto delle Hawaii.

Pubblicato il 24 settembre 2021
Spettacolo

Per la prima serata del 26 settembre il palinsesto del canale Nove prevede il film Pearl Harbor, diretto da Michael Bay e uscito nelle sale nel 2001 (qui il trailer). Si tratta di una storia d’amore, che ha come sfondo il tragico attacco giapponese al porto americano avvenuto nel 1941. La pellicola, al momento della sua uscita, è stata la produzione più costosa della storia del cinema (oggi, ovviamente, è stata ampiamente superata): soltanto per le riprese dell’attacco aereo sono state impiegate dodici macchine da presa, trenta stuntman, diversi aerei e navi, novanta comparse e decine di tecnici degli effetti speciali, con un budget totale di centoquaranta milioni di dollari. Il film è stato candidato a quattro premi Oscar, aggiudicandosi la statuetta per il miglior montaggio sonoro.

I protagonisti della storia sono Rafe McCawley (Ben Affleck) e Danny Walker (Josh Hartnett), amici fin da quando erano bambini, da sempre appassionati di aerei. Proprio per questo, una volta cresciuti, durante la Seconda Guerra Mondiale si arruolano nell’aeronautica americana. Il loro superiore, il maggiore Jimmy Doolittle (Alec Baldwin), informa Rafe che la sua richiesta di entrare nello Squadrone Eagle è stata accettata: il ragazzo deve quindi andare in Europa, per combattere contro i nazisti. Durante la visita medica, conosce Evelyn (Kate Beckinsale), un’infermiera di cui subito si innamora. Lei non sa ancora, però, della sua imminente partenza, e i due iniziano a frequentarsi.

Dopo che i due innamorati si sono detti addio, Danny e Evelyn sono costretti a trasferirsi a Pearl Harbor. È proprio qui che scoprono che Rafe è stato dato per disperso. Sopraffatti dal dolore, poco dopo i due iniziano una relazione: ma il soldato è ancora vivo, e al suo ritorno scopre la verità. Tuttavia, non c’è tempo per discutere, perché la mattina successiva i giapponesi attaccano il porto, e i tre si devono occupare di aiutare più persone possibile.

Seguici anche su Google News!