Vitamina K, benefici per la pelle

Oltre a guarire le ferite e proteggere le ossa, questo alleato di bellezza permette di avere un viso perfettamente idratato.

Bellezza

Della C sappiamo che protegge dai malanni, della D che è fondamentale per la salute delle ossa, ma quante di noi possono dire di conoscere i benefici per la pelle della Vitamina K?

Meno nota di altri nutrienti, questa vitamina, chiamata anche naftochinone, è importante perché attiva le proteine che permettono la corretta coagulazione del sangue, la guarigione delle ferite e la salute ottimale delle ossa.

Le sue proprietà, però, non finiscono qui. Per questo la nostra redazione ha pensato a una breve ma esauriente guida alla scoperta di tutti i segreti della Vitamina K, una delle meno note. Cos’è, dove si trova e quali benefici per la pelle si possono sfruttare introducendola a tavola, optando per integratori o per trattamenti cosmetici che la contengono.

Cos’è e dove si trova

La vitamina K è una vitamina liposolubile. Fa parte, cioè, di quelle sostanze accumulate nel fegato e rilasciate all’occorrenza in piccole dosi.

La Vitamina K si suddivide in realtà per origine e funzione in:

  1. Vitamina K1: di origine vegetale, interviene nella coagulazione del sangue;
  2. Vitamina K2: di origine batterica, permette l’assorbimento della microflora intestinale e la salute delle ossa;
  3. Vitamina K3: di origine sintetica, dà vita ai farmaci che regolano la coagulazione sanguigna.

Si può fare il pieno di Vitamina K1 a tavola, soprattutto grazie a prodotti di origine vegetale come pomodori, kale, spinaci, cavoli e cime di rapa.

La Vitamina K2 si trova in alimenti fermentati e prodotti di origine animale come tuorli d’uovo e burro.

In commercio non mancano gli integratori di Vitamina K, anche in tandem con altre sostanze che spesso risultano carenti come la Vitamina D.

I benefici per la pelle della Vitamina K

Tra i benefici di questa vitamina ci sono anche molti vantaggi per la pelle. In particolare, i prodotti che ne sono ricchi favoriscono:

  • il processo di guarigione della pelle, in quanto supporta la naturale funzione di barriera dell’epidermide (quindi è utile in caso di ferite o lividi);
  • la riduzione dell’infiammazione, degli arrossamenti e di gonfiori;
  • il miglioramento della pelle con eczema;
  • la prevenzione della pelle secca;
  • l’idratazione dell’epidermide.

Proprio per questo, oltre a trovarla nel piatto, la Vitamina K è presente in numerosi trattamenti che non possono sfuggire alle beauty addicted per la loro efficacia come sieri, creme viso e olii.

Credits foto: