Ad ogni donna può essere capitato di avere un ciclo mestruale scarso: questa condizione, chiamata più specificamente ipomenorrea, è caratterizzata infatti da un flusso poco abbondante o comunque minore rispetto a quello che viene ritenuto “normale”.

In alcuni casi le cause che provocano uno scarso flusso mestruale vengono considerate benigne, non necessitando quindi di terapie specifiche, mentre determinate condizioni, al contrario, necessitano di trattamenti specifici. Tutte le donne, almeno una volta nella propria vita, possono aver sofferto di un ciclo mestruale scarso: questo, infatti, può trovare la sua causa in molte abitudini quotidiane, ma può essere legato anche alla genetica.

Molte donne, infatti, soffrono di ipomenorrea per costituzione, che non dipende da nessun fattore se non per via dei propri geni: per trovare una conferma basterebbe infatti valutare se tra i propri familiari ci sono o sono state presenti condizioni identiche o somiglianti.

Oltre a una condizione genetica, a causare l’ipomenorrea generalmente possono essere anche dei fattori psicofisici e per questo legati a stati d’ansia o stress, insieme anche ad un regime alimentare non proprio bilanciato: in quest’ultimo caso, specialmente se si tende a rimanere a digiuno, possono nascere non solo irregolarità nel mestruo ma anche un flusso meno abbondante. Al contrario di quella causata da altri fattori, però, in questi casi l’ipomenorrea può essere definita transitoria in quanto basta rilassarsi o riequilibrare la propria alimentazione per tornare alla “normalità”.

Tra le cause che provocano ipomenorrea ci sono anche gli ormoni: uno squilibrio ormonale, infatti, può andare ad influire sul flusso mestruale, aumentandolo oppure – come in questo caso specifico – diminuendolo. Lo squilibrio, oltre ad essere determinato dal proprio organismo, tra androgeni, progesteroni e ormoni tiroidei, può essere causato anche dalla pillola anticoncezionale che va infatti ad influire sugli ormoni e sul flusso, riducendolo più o meno significativamente. Anche durante i primi cicli mestruali può succedere che il flusso non sia normale o abbondante, questo però è legato all’ovulazione in quanto all’inizio può non essere del tutto regolare.

A causare l’ipomenorrea può essere anche un’attività fisica particolarmente intensa, spesso affiancata da un’alimentazione non proprio bilanciata. In ogni caso è sempre consigliato consultare il parere di uno specialista per capire a cosa è dovuto il flusso mestruale scarso, trovare una diagnosi ed, eventualmente, una soluzione.