Quando si è a dieta dimagrante, non bisogna dimenticarsi della leucina, un amminoacido essenziale – quindi che non può essere sintetizzato dall’organismo – che può svolgere una funzione molto importante all’interno di una dieta dimagrante.

È ormai dato per assodato che le diete dimagranti proteiche permettono un abbattimento del peso in maniera abbastanza rapida ma è altrettanto vero che alla lunga potrebbero provocare dei danni gravi all’organismo. Ma la vera novità è rappresentata dalla leucina.

Secondo le ricerche effettuate dallo scienziato americano Donald K. Layman dell’Università dell’Illinois, per seguire una dieta dimagrante che provochi una perdita di peso basterà semplicemente mangiare 30 g di proteine tre volte al giorno, e assumere durante ogni pasto 2,5 g di leucina. Dimagrire con la leucina quindi.

Essendo la leucina un amminoacido di tipo essenziale deve essere obbligatoriamente introdotta con l’alimentazione. Molti cibi sono ricchi di leucina: tutte le carni, il pesce, il latte e i latticini, gli affettati. Ma perché la leucina è così preziosa in una dieta dimagrante? Semplicemente perché è capace di agire sulla sintesi proteica e in particolar modo sull’attività dei mitocondri.

Quanta leucina serve per dimagrire? Una persona sana che pratica una moderata attività fisica può ricavarla dal cibo senza bisogno di integratori supplementari, ma l’accorgimento sta nel distribuirla equamente nei tre pasti principali della dieta dimagrante scelta: colazione, pranzo e cena, introducendone ogni volta 2,5 grammi.

Per raggiungere il quantitativo giusto basta alternare i seguenti cibi:

  • 140 gr di carne (tagli magri di bovino e suino);
  • 130 g di petto di pollo;
  • 125 g di petto di tacchino;
  • 90 g di bresaola;
  • 110 g di prosciutto crudo;
  • 130 g di prosciutto cotto;
  • 160 g di orata o di merluzzo;
  • 120 g di tonno sottolio;
  • 130 g di sgombro;
  • 200 g di gamberi.

Se invece siamo a dieta dimagrante e vogliamo attingere la leucina dal latte e i suoi derivati basterà alternare:

  • 600 g di latte o yogurt;
  • 180 g di mozzarella;
  • 80 g di grana o parmigiano.

Com’è possibile vedere, questi alimenti sono perfettamente compatibili con una dieta dimagrante e durante i pasti principali, pranzo e cena, non ci saranno problemi per raggiungere i quantitativi di leucina consigliati. Forse qualche problema in più potrebbe insorgere con la colazione, ma combinando latte, yogurt e un panino con il prosciutto, i problemi si azzereranno.

Layman sostiene inoltre che il trucco per una dieta dimagrante ad alto impatto consiste nell’associare la leucina a 40 grammi di carboidrati che si trovano in 50 grammi di riso o di pasta o in 70 grammi di pane.