Calli ai piedi: come eliminarli?

Un problema antiestetico e fastidioso: tutti i consigli per capire come liberarsene e prevenirne la ricomparsa

Pubblicato il 11 settembre 2020

I calli ai piedi sono un problema tutto l’anno, in particolar modo col cambio di stagione, in estate quando si espongono i piedi con le scarpe aperte, e in inverno quando si è costretti a rinfilali in quelle chiuse: ma come eliminarli una volta per tutte per avere piedi lisci e morbidi?

Prima di tutto è importante capire come prevenirli, affinché una volta eliminati il problema non si ripresenti. Tra le cause di questo ispessimento cutaneo ci sono scarpe strette, calzature della misura sbagliata, scarpe col tacco, scarpe nuove o poco confortevoli. Prevenire i calli è possibile scegliendo calzature adeguate che limitino l’attrito, quindi della misura giusta e con un comfort adeguato, che offrano un buon appoggio. Utili anche plantari personalizzati, e cerotti o cuscinetti gel se proprio non si vuole rinunciare alle scarpe con i tacchi alti.

Se i calli continuano a comparire dopo la rimozione e queste misure preventive, potrebbero essere opportune una valutazione della postura e l’analisi del passo per rilevare eventuali patologie che aumentino l’attrito o che peggiorino l’appoggio del piede.

Pedicure fai da te duroni e calli ai piedi: come farla a casa

Differenza tra calli e duroni, verruche e occhi di pernice

Anche se posso apparire simili a un occhio inesperto, calli e duroni, verruche e occhi di pernice sono molto diversi, per natura e aspetto.

Le verruche sono di origine virale, calli, duroni e occhi di pernice dermatosi di origine meccanica. Le verruche sono solitamente più incassate, a volte dolorose, e si formano sui punti di appoggio del piede, sulle dita delle mani (dove possono essere scambiate per calli) e su quelle dei piedi (dove possono sembrare per occhi di pernice). Localizzate e rotondeggianti, possono presentare puntini neri sulla superficie e non hanno i dermatoglifi, cioè le linee che dormano le impronte digitali.

I duroni sono localizzati soprattutto sulla superficie posteriore o laterale della pianta del piede, generalmente sono più piccoli dei calli e caratterizzati da una zona centrale dura circondata da un’area di pelle infiammata, che può essere dolorosa.

L’occhio di pernice si forma soprattutto negli spazi tra quarto e quinto dito del piede. Leggermente in rilievo, ha un colorito biancastro e provoca un dolore pulsante.

Veniamo, infine, ai calli. Più simmetrici e circoscritti, si manifestano nelle zone di appoggio del piede, non hanno bordi netti e presentano ben visibili i dermatoglifi.

Pediluvio: 3 ricette e consigli per il fai da te

Come eliminare i calli ai piedi

I calli, come già accennato, smettono di formarsi una volta rimosse le cause dell’attrito che generano il meccanismo di difesa dell’ispessimento della pelle. Ma come eliminarli una volta che si sono formati?

In farmacia è disponibile una gran quantità di prodotti che facilita l’operazione, come pomate e cerotti callifughi.

In generale, meglio rivolgersi direttamente a un podologo per una pedicure medica anche per capire come risolvere il problema definitivamente e non peggiorare la situazione, o in alternativa a un estetista esperto.

I calli si possono anche eliminare in maniera naturale con una pedicure fai da te. Lasciate i piedi a mollo per 15 minuti in una bacinella di acqua tiepida con tre cucchiai di bicarbonato e qualche goccia di olio essenziale antibatterico, come il Tea Tree Oil. Utilizzate poi una pietra pomice per levigare delicatamente la zona con i calli. Infine applicate una pomata per calli o una crema idratante.

Seguici anche su Google News!