Pietra pomice: come usarla per i piedi

Un alleato naturale per avere piedi morbidi e lisci rimuovendo calli e duroni

Pubblicato il 9 giugno 2020

La pietra pomice è un’alleata indispensabile per piedi lisci e morbidi, in quanto rimuove calli, duroni e pelle morta: ma come usarla per ottenere il massimo risultato? Calli e duroni, infatti, sono un problema molto diffuso. Un inestetismo quando è il momento di scoprire i piedi, come in estate con i sandali. Ma anche un disturbo che può diventare davvero fastidioso se non addirittura doloroso o invalidante.

I duroni e i calli non sono altro che aree in cui la pelle è diventata più spessa a causa della pressione o dell’attrito subiti. Si posso formare sulle mani, per un lavoro manuale ripetitivo (in questo caso possono essere prevenuti indossando guanti per proteggere le mani, come quando si fa il giardinaggio o si sollevano pesi), e più spesso sui piedi, provocando dolore quando si cammina o si indossano le scarpe.

La zona interessata può apparire grigia o gialla, essere molto più dura di quelle circostanti e meno sensibile al tatto rispetto al normale. Di solito non hanno bisogno di cure specifiche, ma la rimozione è una liberazione e anche un momento di cura del corpo e di “riconquista estetica”.

I calli ai piedi si possono prevenire indossando scarpe che calzino al meglio e utilizzando la pietra pomice costantemente. La pietra, poi, è utile per una prima rimozione, anche se in casi più severi è meglio rivolgersi all’estetista per una pedicure di tipo professionale. Si potrà in seguito procedere con una cura fai da te preventiva e di mantenimento per piedi sempre vellutati.

Spingi cuticole, 5 modelli per una manicure perfetta

La pietra pomice diventa, così, parte della beauty routine, utilizzata sui piedi umidi durante o dopo la doccia ogni giorno. O con un pediluvio fai da te: un momento rilassante in cui ci si libera delle fatiche della giornata che, come sappiamo, gravano soprattutto sui piedi.

Come usare la pietra pomice per i piedi

La pietra pomice, di origini vulcaniche se naturale o sintetica, è leggera e porosa, perfetta per una esfoliazione della pelle delicata. Si usa in maniera molto intuitiva, come accennato, quando l’epidermide – grazie al calore e all’umidità – si ammorbidisce e la rimozione delle cellule morte in eccesso diventa più semplice.

  1. Immergete i piedi in acqua calda e sapone per 5 minuti o fino a quando la pelle non si ammorbidisce.
  2. Bagnate la pietra pomice.
  3. Strofinate la pietra sul callo umido o sul durone con una pressione da leggera a media per 2-3 minuti.

Consigli

  • Risciacquate la pietra dopo ogni utilizzo con acqua tiepida e lasciatela asciugare in un luogo arieggiato e asciutto (come si fa per la spugna Konjac).
  • Fate attenzione quando usate una pietra pomice: togliendo troppa pelle o andando troppo in profondità si rischiano sanguinamenti, irritazioni o infezioni.
  • In caso di diabete, arteriopatia periferica, neuropatia periferica o altre condizioni che causano problemi circolatori o intorpidimento, è necessario consultare il medico prima di provare qualsiasi trattamento per calli o duroni.
  • Calli e duroni possono essere ammorbiditi e la pelle morta rimossa anche con un uso attento di prodotti a base di acido salicilico.
  • Nei casi più gravi può essere necessario rivolgersi a uno specialista per una pedicure medica.
Seguici anche su Google News!

Storia

  • Pelle

Credits foto: