Come dormire nella baita green di Matthew McConaughey

L’attore texano ha progettato una baita ecosostenibile in Australia per un weekend nella natura

Aggiornato il 23 gennaio 2020

Avete un viaggio programmato in Australia? Sappiate che da oggi avrete la possibilità di prenotare un soggiorno da favola nella baita ideata da Matthew McConaughey.

Un attore che non pensa solo alla sua carriera cinematografica e che, dopo essere diventato il direttore creativo del marchio di whisky Wild Turkey, firma adesso il progetto di The Reserve, l’esclusiva baita in cui staccare la spina e ritrovare sé stessi.

La baita The Reserve (foto: Getty Images via Unyoked)

Il piccolo rifugio si trova in Australia, a due ore da Sidney e punta ad offrire un’ospitalità a contatto con la natura, disconnessi dal mondo. La baita è stata ideata nell’ambito dell’iniziativa With Thanks del marchio di liquori Wild Turkey, che punta a condividere con più persone gli stessi valori, basati sull’amore per l’ambiente e il rispetto nei confronti della natura.

Il progetto è stato realizzato da McConaughey in collaborazione con i gemelli Chris e Cam Grant, fondatori della startup Unyoked, che propone in affitto diversi tipi di baite, tutte immerse nella natura. The Reserve è stata costruita con materiali sostenibili ed è alimentata a energia solare.

 

Un luogo accogliente, fatto tutto in legno, in cui dimenticarsi del mondo per qualche giorno, e pensato proprio dall’attore in ogni suo dettaglio.

Matthew McConoughey nella baita The Reserve (foto: Getty Images via Unyoked)

Al suo interno sono presenti anche delle super vintage audiocassette scelte dallo stesso McConaughey, come Highway 61 Revisited di Bob Dylan, Talkin Timbuktu di Ali Farka Toure e Ry Cooder, Metamodern Sounds of Country Music del cantautore americano Sturgill Simpson. Attraverso il sito di Unyoked è possibile prenotare la baita a partire da 180 euro circa, per un weekend di minimo due notti.

Seguici anche su Google News!

Articolo originale pubblicato il 22 gennaio 2020

Credits foto: