Regina Elisabetta: la travagliata storia della sua tiara Vladimir

Il prezioso gioiello si è tramandato in varie famiglie nobili d'Europa.

La travagliata storia del diadema preferito della Regina Elisabetta, la tiara Vladimir, è degna di un film di Hollywood. Dopo varie modifiche e destinazioni, dai Romanov ai Windsor, la tiara, creata nel 1874, è arrivata nelle mani della Sovrana solo nel 1953.

La tiara della Granduchessa Vladimir era originariamente di proprietà della Duchessa Maria di Meclemburgo-Schwerin, una principessa tedesca. Dopo il suo ingresso nella famiglia reale russa, nel 1874, il gioielliere della corte imperiale russa Bolin creò il diamante e la perla per Maria, applicabili sulla tiara. Infatti le perle potevano essere rimosse, come parte del diamante, permettendo di portarla come una più piccola corona chiusa.

In seguito alla rivoluzione del 1917 Maria lasciò San Pietroburgo per trasferirsi in una villa a Kislovodsk. I suoi gioielli, incluso questo diadema, erano nascosti in una cassaforte nella sua casa di San Pietroburgo, il Palazzo Vladimir. Maria fu messa agli arresti domiciliari, incapace di tornare a raccogliere i suoi gioielli. Durante l’estate, suo figlio, il Granduca Boris e un amico, Bertie Stopford, hanno pianificato una pericolosa missione per recuperare i suoi gioielli. I due uomini vestiti da operai, e con l’aiuto di un guardiano del palazzo, si intrufolarono nell’edificio e vendettero il contenuto della cassaforte.

Il commerciante d’arte britannico Stopford portò i gioielli a Londra, dove furono messi in una cassetta di sicurezza. Nel febbraio 1920, Maria divenne l’ultima granduchessa di Romanov a fuggire dalla Russia. Si diresse a Venezia e da lì in Francia. Il viaggio ha messo a dura prova la sua salute ed è morta pochi mesi dopo. Sua figlia, la granduchessa Elena Vladimirovna, ereditò la tiara. Elena era diventata Principessa di Grecia e Danimarca, dopo il suo matrimonio nel 1902.

Nel 1921, Elena vendette alcuni dei gioielli di sua madre e la Regina Mary, nonna di Elisabetta II, acquistò la tiara Vladimir. La Regina affidò il diadema alle cure del gioielliere Garrard per fare delle riparazioni.

Tre anni dopo, Mary commissionò a Garrard di lavorarci di nuovo. Nella sua collezione di gioielli, la Regina aveva gli smeraldi di Cambridge. Questi appartenevano alla famiglia di sua madre, e furono aggiunti alla tiara, anche questi in modo removibile. Ora il diadema poteva essere indossato in tre modi: con gli smeraldi, con le perle originali, o senza nulla.

Alla morte della Regina Mary nel 1953, la tiara Vladimir passò alla Regina Elisabetta. La Sovrana nel 1988 decise di applicare ancora nuove modifiche. Solitamente sceglie di indossare la versione con gli smeraldi, del valore di circa 20-30 carati l’uno.