Una delle pratiche sportive che fanno stancare di più sono gli squat: questo perché, oltre a rassodare i muscoli, permettono di bruciare un numero di calorie molto consistente (basti pensare che alcuni studi del settore dichiarano che bastano 100 squat al giorno per tornare in forma).

Per riuscire nell’obiettivo di guadagnare o preservare una silhouette invidiabile, dunque, non serve altro che fare 10/15 minuti quotidiani di squat, che consentiranno di tornare in forma vivere meglio, già dopo il primo allenamento.

Ecco tutti i consigli per eseguire gli squat nel modo corretto.

  1. Movimento verticale: per fare uno squat corretto è importante ricordare che questo movimento prevede la flessione delle gambe e l’estensione della colonna in senso verticale, facendo un vero e proprio su e giù senza avere inclinazioni strane o disequilibrate. In questo modo, la contrazione muscolare sarà migliorata, rendendo possibile il consumo di calorie ed il rafforzamento dell’apparato scheletrico e muscolare.
  2. Schiena leggermente arcuata: a differenza di altri movimenti, gli squat richiedono, affinché siano fatti bene, una leggera flessione, nella parte inferiore, della colonna vertebrale, così da non incassare le vertebre e rendere più fluido il movimento.
  3. Ginocchia verso l’esterno: affinché non vi siano movimenti bruschi a carico della schiena e, di conseguenza, del bacino e delle anche, è importante che le ginocchia si muovano verso l’esterno. In questo modo si riduce il rischio di perdere l’equilibrio e di acquisire una posizione scorretta ed automatizzare un movimento che, in realtà, non fa altro che ledere la genuinità dello squat.
  4. Peso sui talloni: per far sì che il peso non sia sbilanciato e non si abbiano perdite di equilibrio che interromperebbero l’esercizio, è importante poggiare il peso sui talloni (ma non troppo, altrimenti si rischia di dover porre rimedio alla tallonite). In questo caso, con il supporto di una buona scarpa da ginnastica, si potrà compiere correttamente lo squat.
  5. Respirare costantemente: infine, uno dei primi consigli che ogni personal trainer preparato dà ai propri clienti, è quello di respirare anche durante gli esercizi. Il respiro, oltre a rendere possibile l’ossigenazione del sangue, consente di dare un ritmo allo squat, riducendo la sensazione di stanchezza.