Bombe da bagno: cosa sono e come farle a casa

Nate nel 1989 da un’idea di Mo Constantine, co-fondatrice del brand Lush, hanno portato l’aromaterapia in bagno

Pubblicato il 5 giugno 2020

Una coccola profumata, divertente, allegra e colorata: se non le conoscete o volete saperne qualcosa di più, ecco cosa sono le bombe da bagno, come sono nate e come farle a casa. Le bath bomb effervescenti sono delle palline colorate di ingredienti che a contatto con l’acqua sprigionano frizzantezza, profumo e proprietà emollienti per la cura della pelle durante un caldo bagno rilassante.

Insomma, un’evoluzione delle perle da bagno e dei sali che ha conquistato subito il grande pubblico grazie all’esperienza che regala, un mix tra il rilassamento e il divertimento, grazie alla forma e ai colori sgargianti, grazie alla varietà di fragranze e proposte, agli ingredienti che si prendono cura dell’epidermide.

Cosa sono le bombe da bagno

Le bombe frizzanti da bagno sono delle palle di ingredienti secchi (ma sul mercato ne esistono ormai di tutte le forme) che a contatto con l’acqua si sciolgono e sprigionano oli essenziali, burri, ingredienti profumati.

Sono nate nel 1989 da un’idea di Mo Constantine, co-fondatrice del brand Lush, che ha portato l’aromaterapia in bagno. Alternativa delicata al bagnoschiuma (che spesso può essere aggressivo, specialmente per bambini sotto i 7 anni e donne con la tendenza alle irritazioni urinarie), contengono fragranze per il buonumore, petali di fiori, colori, burri idratanti, tutti elementi di sorpresa che fanno sì che l’esperienza del bagno diventi un momento di gioia.

Nel tempo, le bombe da bagno sono diventate per molti sinonimo di Lush, un regalo divertente e un gesto affettuoso per le persone care ma prima di tutto per noi stessi.

Bombe da bagno (foto: Pexels)

Bomba da bagno fai da te

Forse le fan dei cosmetici fai da te non sanno che anche le bombe da bagno si possono fare in casa. La ricetta è semplice e grazie al mix di acido citrico e bicarbonato di sodio si può replicare l’effetto frizzante. Scegliendo gli oli essenziali preferiti e divertendosi con il colorante, la personalizzazione è completa. Ecco ingredienti e procedimento per realizzarle subito.

Attrezzatura

  • Boule di vetro
  • Contenitore spray
  • Guanti
  • Stampino in due parti (vanno bene anche quelli per dolci o cioccolatini)
  • Setaccio

Ingredienti

  • 1 tazza di acido citrico
  • 2 tazze di bicarbonato di sodio
  • 20-30 gocce di olio essenziale preferito
  • 1 cucchiaino di olio di mandorle dolci
  • 15-20 gocce di colorante alimentare (facoltativo)
  • Acqua (una piccola quantità)

Procedimento

  1. Il primo passaggio consiste nel mescolare molto bene con un cucchiaio nella boule di vetro acido citrico e bicarbonato di sodio.
  2. Aggiungete i vostri oli essenziali preferiti, puri o mescolati tra loro.
  3. A questo punto bisogna mescolare velocemente la miscela con le mani, aggiungendo il colorante alimentare e rimuovendo eventuali grumi schiacciandoli tra le dita.
  4. Con lo spray si spruzza sul mix poca acqua per volta, continuando a miscelare fino a ottenere un composto friabile ma che mantiene la forma data.
  5. È il momento di inserire il composto nello stampo, riempiendo le due metà, unendole insieme e facendo poi uscire la palla dallo stampo.
  6. Le bombe devono asciugare almeno un paio di ore in un luogo caldo e asciutto ma lontano dalla luce diretta del sole prima di essere utilizzate. Si conservano per due settimane, e più il tempo passa più diminuisce l’effervescenza.
Bombe da bagno (foto: Pexels)

Consigli

  • Inizialmente non è facile trovare le giuste dosi per realizzare le bombe della grandezza desiderata. Meglio fare delle prove con piccole quantità per capire come regolarsi.
  • Se la bomba si sgretola potrebbe essere troppo grande, troppo poco compressa o ancora troppo secca (in questo caso si può spruzzare un po’ di acqua sulla miscela.
  • In generale le bath bomb più piccole tendono a sgretolarsi di meno.
  • Se la bomba tende ad allargarsi potrebbe già essersi attivata la reazione frizzante nella miscela. Si può provare a ripristinare l’equilibrio con due parti di bicarbonato e in proporzione una di acido citrico.
Seguici anche su Google News!

Storia

  • Pelle
  • Prodotti di bellezza