Spugna Konjac: come usarla e i benefici

Arriva dall’esperienza beauty coreana ed è perfetta per ottenere una pelle luminosa e levigata

Pubblicato il 11 maggio 2020

Se non sapete cos’è la spugna Konjac, o se conoscete questo accessorio per cui le beauty addicted stanno impazzendo, ma vorreste saperne di più, ecco tutto su come usarla e sui benefici di questa strabiliante spugnetta.

La spugna Konjac non è una novità assoluta tra le appassionate di skin care, anzi, in Europa è già arrivata da qualche anno dalla Corea, neanche dirlo patria di tantissime pratiche che abbiamo imparato ad amare ultimamente, una su tutte le maschere coreane per il viso. Tuttavia, complici le Case cosmetiche che se ne sono subito innamorate, questa spugnetta si sta diffondendo sempre di più ed è diventata un must have nel beauty case di “ragazze” di tutte le età.

Di cosa si tratta? Il suo nome ricalca quello dell’omonima pianta asiatica, dalla cui radice si ricava la gelatina konyaku. Questa gelatina è alla base di questa spugna naturale, organica e biodegradabile, oltre che di numerose ricette cucina giapponese. Il konyaku è, infatti, ingrediente fondamentale di specialità come l’oden, il sukiyaki, il gyūdon e gli spaghetti shirataki.

Nel settore del benessere, invece, il motivo di tanto successo è presto detto, e deriva dai suoi benefici.

I benefici della spugna Konjac

La spugnetta Konjac, utilizzata per il viso, ma anche il corpo, è un utile alleato per la detersione, l’esfoliazione e molto altro ancora.

La natura alcalina del composto è perfetta per bilanciare il ph della pelle. Inoltre è ricca di sostanze naturali toccasana per la salute, la luminosità, la tonicità della pelle, dalle vitamine (A, B, C, D, E) ai sali minerali, zinco, magnesio, ferro, passando per acidi grassi e proteine.

La spugna esfolia delicatamente l’epidermide e rende la pelle liscia, levigata, luminosa. Nei diversi colori, permette di apportare benefici ai vari tipi di pelle. Infatti la spugna:

  • bianca è la più classica, delicata e adatta a tutti i tipi di pelle;
  • rosa è potenziata da argilla francese con effetto idratante e antirughe;
  • verde è potenziata da argilla verde che assorbe il sebo;
  • nera è ideale per pelle tendente all’acne.

La spugna Konjac, poi, fa bene all’ambiente: è al 100% naturale, biodegradabile e di origine organica. La sua produzione non distrugge ambienti marini e la sua dispersione nella natura non inquina.

Come usare la spugnetta Konjac

La spugna Konjac si utilizza in maniera simile ai massaggiatori viso, ma ovviamente non ha bisogno di corrente o batteria, bensì va passata con un movimento rotatorio sul viso. I passaggi della beauty routine:

  1. Si prende la spugna e si immerge sotto l’acqua corrente per 10 secondi;
  2. Se si desidera si può aggiungere poco detergente;
  3. Si passa la spugna con delicati movimenti rotatori dal centro ai bordi del viso;
  4. Si sciacqua il viso;
  5. Si stende sulla pelle la normale crema idratante (da giorno o da notte).

Dopo l’utilizzo, la spugna va lavata sotto l’acqua corrente, fredda o tiepida, ma mai troppo calda, e strizzata molto delicatamente. Fondamentale non lasciarla sul bordo del lavandino ma appenderla con l’apposito laccetto in un luogo arieggiato e non umido affinché si asciughi completamente in breve tempo senza dare vita alla proliferazione di muffe o batteri. La sua vita è di circa due o tre mesi, in ogni caso per la manutenzione e la durata dell’utilizzo meglio seguire alla lettera le istruzioni sulla confezione con cui viene venduta.

Seguici anche su Google News!

Storia

  • Pelle
  • Prodotti di bellezza