Crostata di pesche e albicocche: tempo d'estate, tempo di torte con frutta di stagione. Deliziose!

Aggiornato il 23 febbraio 2015

PREPARAZIONE
Mettete nel recipiente del robot da cucina il burro a pezzetti, lo zucchero, l’essenza di mandorl, l’uovo, la farina e un pizzico di sale.
Amalgamate velocemente gli ingredienti, azionando il robot a colpetti successivi e aggiungendo, se necessario, un po’ d’acqua. Raccogliete l’impasto a palla, infarinatelo leggermente e mettetelo in frigorifero per un’ora, avvolto in alluminio da cucina.
Sbucciate le pesche, lavate e asciugate le albicocche. Dividete a metà i frutti ed eliminate i noccioli.
Stendete la pasta su una spianatoia infarinata, foderate poi con la pasta una tortiera da 25 cm di diametro imburrata e infarinata. Con i ritagli di pasta preparate dei nastri usando la rotella ondulata tagliapasta.
Distribuite nella tortiera la frutta alternando pesche e albicocche.
Lavorate il burro e la farina di mandorle in una ciotola. Incorporate alla crema ottenuta un uovo alla volta, quindi unite tutto lo zucchero.
Diluite la maizena nel distillato di pesche (o altro liquore alla frutta) e aggiungetela al composto. Mescolate bene, incorporate anche il lievito, quindi versate il tutto nella tortiera.
Livellate la superficie e decorate con i nastri di pasta disposti in diagonale. Dorate pennellando l’uovo battuto con un po’ d’acqua.
Infornate la crostata di pesche e albicocche per 25-30 minuti a 210°C e servitela dopo averla lasciata raffreddare nella tortiera.

TEMPO DI PREPARAZIONE:
25 MINUTI + 1 ORA PER FAR RIPOSARE LA PASTA

TEMPO DI COTTURA:
25-30 MINUTI

DOSI PER SEI PERSONE

INGREDIENTI
150 g di burro
30 g di zucchero
qualche goccia di essenza di mandorle amare
2 uova (1 per dorare)
250 g di farina – sale

PER LA FARCITURA
4 pesche
10 albicocche
100 g di burro ammorbidito
50 g di farina di mandorle
3 uova
30 g di zucchero
1 bustina di zucchero vanigliato
2 cucchiai di maizena
10 cl di distillato di pesche
1 cucchiaino di lievito per dolci

VINI CONSIGLIATI
COLLI DEL TRASIMENO VIN SANTO
RECIOTO DELLA VALPOLICELLA
COLLI EUGANEI MOSCATO (anche SPUMANTE)

COLLI DEL TRASIMENO VIN SANTO
Aree di produzione: Umbria – affinamento: fino a 10 anni – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: DESSERT E FUORI PASTO – colore: dal giallo paglierino all’ambrato con riflessi dorati – odore: etereo intenso tipico tipico – vitigni: trebbiano (40%-70%) grechetto e/o pinot bianco e/o pinot grigio (30%-60%) altri (0-30%) – sapore: tipico persistente armonico asciutto – grad. alcolica min. 14°+2.

RECIOTO DELLA VALPOLICELLA
Aree di produzione: Veneto Comprende 19 comuni della fascia settentrionale della provincia di Verona, da est a ovest – affinamento: fino a 2-3 anni – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: FINE PASTO, DESSERT – colore: rubino intenso – odore: vitigni: Corvina Veronese 45%-95%, ammesso Corvinone max 50% in sostituzione della Corvina; Rondinella 5%-30%, ammessi altri vitigni a bacca rossa non aromatici provincia di Verona max 15%, altri vitigni autoctoni a bacca rossa max 10% – sapore: vellutato armonico di corpo amabile/dolce.

COLLI EUGANEI MOSCATO (anche SPUMANTE)
Aree di produzione: Veneto provincia PD – caratteristiche: fermo (spumante) – abbinamento consigliato: FINE PASTO – colore: giallo paglierino più o meno carico – odore: intenso tipico – vitigni: moscato (95-100%) – sapore: intenso tipico amabile/dolce – gradazione alcolica minima 10,5°.

Photo Credit: Geomangio via photopin

Articolo originale pubblicato il 3 agosto 2013

Seguici anche su Google News!