Ricetta alborelle in carpione

TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA:
1 ORA

PER PORZIONE:
CALORIE 410

PREPARAZIONE
Infarinate le alborelle, dopo averle lavate ed asciugate.
Mettetele quindi su un setaccio e scuotetele per eliminare la farina in eccesso.
Scaldate l’olio nella padella e gettatevi i pescetti. Cuocete a fiamma viva per pochi minuti.
Sgocciolateli, accomodateli in una zuppiera e salate. Fateli saltare un pochino perché il sale si sparga uniformemente.
In un tegamino mettete a bollire l’aceto con le cipolle tagliate a rotelle. Unite il sedano (anche le foglie), il basilico, le biete tagliate piccole (foglie e gambi), il timo, il lauro e le altre erbe odorose.
Lasciate bollire fino a che le verdure saranno cotte. A questo punto versate il tutto, bollente, sulle arborelle e incoperchiate subito.
L’ideale sarebbe lasciarle insaporire un paio di giorni, ma possono essere consumate benissimo anche subito.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI
1 kg. di alborelle
4 foglie di basilico
¼ di litro d’aceto bianco
2 cipolle
un pugno di biete
2 foglie di lauro – 1 costa di sedano
timo – sale
qualche grano di pepe – olio – farina

VINI CONSIGLIATI
CORVO BIANCO (Sicilia)
ALBANA DI ROMAGNA (Romagna)
CASTEL TAGLIOLO (Piemonte)
ORVIETO (Umbria)

CORVO BIANCO (Sicilia)
Considerato un vino superiore da PESCE E DA ANTIPASTO (lo si abbina con triglie e caciucco alla livornese, branzino al forno, foie gras e terrine, champignon saltati alla crema). Colore giallo paglierino brillante, profumo armonico e gradevole, sapore asciutto, gradazione attorno ai 12,5° (servire a 12° circa).

ALBANA DI ROMAGNA (Romagna)
Vino caratteristico con una gradazione che si aggira attorno ai 12°. Colore giallo con riflessi verdognoli; profumo delicato, sapore morbido, gradevolissimo, generalmente abboccato. Si serve ad una temperatura di circa 10° con antipasti a base di pesce, minestre, piatti a base di uova. Un consiglio particolare: provatelo con la frittata di cipolle novelle.

CASTELTAGLIOLO (Piemonte)
Vino tipico ottenuto con uve “Cortese” e, in minima parte, con altre uve. Si presenta con un colore giallo paglierino e ha un profumo delicato e caratteristico; il sapore è asciutto e fresco; la gradazione alcolica si aggira intorno agli 11° circa. Servitelo come vino da TUTTO PASTO e in particolare con antipasti magri, pesci in bianco, lumache e anguille. temperatura di servizio 10-12° circa.

ORVIETO (Umbria)
È un vino di fama internazionale ottenuto sui verdi colli che circondano il comune di Orvieto, in provincia di Terni. Colore: giallo paglierino dorato; profumo: accentuato e caratteristico; sapore: secco ma anche rotondo. Gradazione alcolica 12/12,5° e temperatura di servizio 10/12°. il tipo “secco” è consigliabile con una infinità di piatti, ma principalmente con pesce di mare e d’acqua dolce, mentre l’ “abboccato” accompagna minestre, gelatine, vellutate.

Articolo originale pubblicato il 22 giugno 2012

Seguici anche su Google News!