Non più solo scelta estetica, ma una vera e propria esigenza, oltreché una delle abitudini femminili più diffuse. Quando si parla di depilazione intima, occorre procedere con le dovute precauzioni essendo una zona altamente delicata. Diverse le soluzioni possibili per eliminare i peli superflui e diverse le possibili controindicazioni. Se volete evitare effetti indesiderati,  ecco alcuni consigli utili per una depilazione intima a casa senza rischi.

Uno dei metodi di depilazione più veloce e resistente nel tempo è la ceretta che dovrebbe, però, essere fatta da mani esperte. Meglio evitare, infatti, di depilarsi da sole a casa. Tra quella a fredda e quella a caldo, scegliete la seconda per le vostre zone intime. Il segreto per evitare scottature, eritemi cutanei e fastidiosi segni è la giusta temperatura della cera e uno strappo netto, deciso da farsi, ovviamente, in senso contrario rispetto alla crescita dei peli. Sarà doloroso, vero, ma la ceretta è in grado di eliminare e indebolire i peli più resistenti. Ricordate sempre di adoperare l’olio per togliere tutti gli eventuali residui di cera e applicare poi una buona crema idratante a base di cortisone. Evitate di andare al mare subito dopo averla fatta poiché l’acqua salata potrebbe irritare la zona depilata.

In alternativa potreste sempre adoperare il caro e vecchio rasoio (sia elettrico che manuale) o la crema depilatoria. Metodo efficace, ma meno duraturo il primo di cui vi raccomandiamo di fare attenzione nella scelta della lametta e di evitare quanto più possibile di tagliarvi. Quanto alla crema depilatoria, ricordate sempre che, prima di accingervi a usarla, va prima testata su una piccola parte della vostra pelle per capire eventuali effetti collaterali dovute alle sostanze chimiche che la compongono.

E la depilazione integrale? In alcuni casi andrebbe evitata se fatta in presenza di vulvodinia (in Italia soffre di questa infiammazione all’entrata vaginale circa il 5,8% dellle donne). Rischia infatti, se fatta con la ceretta, di accrescere il disturbo. Questo metodo, tanto amato dalle donne, comporta il rischio di contrarre malattie, in particolare herpes, funghi, verruche genitali e sifilide.

Foto: Shutterstock