Ceretta all’inguine: pro e contro

Dall’utilità dei peli nella zona bikini al dolore dell’epilazione, tutto quello che c’è da sapere su questo modo di sentirsi più sexy e “in ordine”.

Bellezza

Storia

Poche cose fanno sentire “in ordine” come la ceretta all’inguine ma questo trattamento beauty, come spesso accade, ha i suoi pro e contro, legati specialmente a delicatezza e sensibilità della zona.

Certo, in estate l’epilazione completa di gambe e inguine è praticamente un obbligo per chi deve indossare il costume da bagno al mare e in piscina.

L’inverno e il freddo, però, non sono scuse sufficienti per trascurarsi. Non solo per il partner, occasionale o fisso, ma anche per la doccia in palestra o per potersi guardare allo specchio mentre ci si veste senza dover storcere il naso.

Naturalmente ci sono tanti modi sia per depilarsi che per fare la ceretta all’inguine, fai da te o da un’estetista, a caldo o a freddo.

Vediamo insieme pro e contro per capire quale delle tante soluzioni proposte fa maggiormente al caso vostro.

Peli nella zona bikini: a cosa servono?

I canoni estetici contemporanei  hanno abituato le donne (e oggi anche gli uomini, sebbene in parte minore) ad interferire con le normali funzioni di un corpo che si difende, che si evolve. La maggior parte dei trattamenti sono mirati a cambiamenti estetici di particolari del tutto naturali, come i peli che crescono, i capelli che diventano bianchi con l’età, le rughe che si formano invecchiando etc.

I peli, in particolare, hanno funzioni protettive e quelli dell’inguine non fanno eccezione. Servono, infatti, a proteggere la pelle molto sensibile delle parti intime dagli sfregamenti (di abiti e biancheria intima stretti, di rapporti sessuali etc), a regolare la temperatura dei genitali femminili che ha un delicato equilibrio, a creare una barriera contro batteri e agenti patogeni.

Ceretta all’inguine totale o parziale?

Dopo aver compreso l’utilità dei peli inguinali, è chiaro che una epilazione totale dell’inguine non è particolarmente consigliata.

Tra i pro della così detta ceretta brasiliana (che più che altro, in realtà, indica la tipologia di cera) c’è sicuramente l’estetica, perché la ceretta completa è considerata da alcuni più sexy e perché così, qualsiasi cosa si indossi, dai jeans a vita bassa al costume da bagno sgarbatissimo, i peli non saranno mai un problema. In determinati casi, poi, come durante il ciclo mestruale, la pulizia e l’igiene possono essere più semplici.

Tuttavia la ceretta totale può essere molto dolorosa e causare cisti, follicoliti o portare a una minore protezione da batteri, attriti, cambi di temperatura.

Rasoio, crema, epilatore o ceretta all’inguine?

Quale è la differenza tra rasoio, crema, epilatore o ceretta all’inguine e quale scegliere per le parti intime? Se rasoio e crema da un lato sono meno dolorosi, è anche vero che la depilazione dura molto meno e nel giro di un paio di giorni o al massimo una settimana i peli ricrescono. Inoltre è opportuno fare attenzione alla crema, controllando che la formula sia adatta a questa zona delicata, e alla ricrescita da rasatura che potrebbe favorire la formazione di peli incarni, oltre che di peli più spessi e “spinosi”.

Epilatore e ceretta permettono di essere a posto per 3 settimane circa, naturalmente l’epilazione è più dolorosa. Meglio preferire il periodo successivo al ciclo, quando la pelle è meno sensibile.

Ceretta all’inguine: pro e contro

In generale, la ceretta all’inguine permette di sentirsi per un mese in ordine, più sexy, di indossare senza imbarazzo slip, costume da bagno e pantaloni a vita bassa. Inoltre con una certa quantità di peli in meno l’igiene è più semplice, specialmente durante il ciclo.

Per contro la ceretta può essere dolorosa, non particolarmente agevole vista la posizione della zona, potenzialmente problematica per pelli molto sensibili. Tra l’altro, tra una ceretta e l’altra è obbligatorio attendere che il pelo cresca di una certa lunghezza per essere intrappolato dalla cera.

Per tutti questi motivi è preferibile rivolgersi a un’estetista esperta che, in base al tipo di pelo e di pelle, saprà consigliare la ceretta più adatta.

Credits foto: