Con il 2013 si apre, o continua, per molti la ricerca di un nuovo lavoro, e se per molti la possibilità di guadagnare è al top delle priorità, per altri ambiente confortevole e assenza di stress sono altrettanto buone caratteristiche su cui fondare la propria ricerca. Nella top ten dei lavori meno stressanti ce n’è per tutti i gusti.

=> Leggi i consigli per fare carriera nel 2013

La maggior parte dei dieci lavori meno stressanti richiede una laurea triennale, se non superiore, molti sono nel campo della medicina, ma altri riguardano anche possibilità per chi non ha un’istruzione superiore. Il lavoro meno stressante in assoluto è il professore universitario. Lo stress in questo caso riguarda probabilmente più il percorso per arrivarci. Oltre a dover passare, almeno nella maggior parte, per laurea specialistica e dottorato, la carriera accademica in Italia è piuttosto ostica, dovendo attraversare le fasi di ricercatore, assunzioni a progetto e prolungata precarietà. Una volta arrivato all’obiettivo però ci si assicura uno stipendio dignitoso e un mestiere appagante.

Paradossalmente il settore medico è quello che offre più possibilità di lavori poco stressanti. Non si entra infatti nel campo della medicina o chirurgia vera e propria, ma dei mestieri collaterali. Ad esempio segreteria o addetto ai report medici negli ospedali, negli studi dentistici o medici. Si tratta di colui che riporta le ricette del dottore nel computer, trascrive gli appunti, organizza le visite. Il tecnico di laboratorio è un altro addetto che non entra in contatto personalmente con i pazienti pur rimanendo in ambito medico. Conduce analisi e lavora principale lontano dalla prima linea.

=> Scopri come combattere lo stress da lavoro in 6 mosse

L’audiologia è un settore da non sottovalutare: si ha a che fare principalmente con persone anziane, con poco stress ma con lo stesso range di possibilità economiche. Ancora in campo para-medico c’è il dietologo, mestiere sempre in voga, che non conosce crisi, poco stressante e generalmente molto ben retribuito.

Tra quelli che non richiedono lauree o simili c’è il mestiere della sarta. Solo apparentemente di nicchia, in realtà ricercato da piccole e grandi aziende, nel mondo della moda o delle botteghe. Richiede evidentemente grande manualità e precisione, e una certa dose di creatività quotidiana. Un altro mestiere antico e poco stressante è il gioielliere: ambiente silenzioso e possibilità di sfruttare la propria vena creativa.

Il parrucchiere si trova sul crinale per quanto riguarda lo stress: da un parte si tratta di un’attività creativa e adatta per persone socievoli, dall’altra può diventare stressante proprio nel rapporto costante con i clienti e con un’agenda pressante.

=> Scopri i migliori lavori femminili per i 2013

Per gli amanti dei libri non c’è niente di meglio che lavorare in una libreria: ambiente confortevole, silenzioso e contatto costante con i volumi, ne fanno uno dei mestieri meno stressanti. Mentre per quanto riguarda la fabbrica, è l’addetto alla trivellatura quello che accumula meno tensione, per la relativa assenza di rischi.

Fonte: CareerCast