Sara Tommasi finalmente visibile nel suo film porno. Come ogni attesa cinematografica che si rispetti anche Sara Contro Tutti, si intitola così la pellicola hard, è stata oggetto di pirateria, per cui già in questi giorni è visionabile su alcuni siti a luci rosse. Si tratta però di una diffusione illegale, che non ha a che vedere con la produzione e l’uscita programmata per il 6 luglio. Manca solo qualche altro giorno di pazienza per vedere legalmente la Tommasi senza veli.

Intanto, su Facebook spunta una fanpage dedicata alla pellicola che vede interprete Sara Tommasi. Nessun video ancora, a parte il trailer diffuso in queste settimane, ma molte fotografie, alcune delle quali appaiono assolutamente divertenti, soprattutto per via delle espressioni assunte dalla soubrette. Ci sono però anche alcune immagini che non sono adatte a tutti.

Galleria di immagini: Sara Tommasi porno

Comunque alla vicenda del porno, che Sara Tommasi afferma di aver girato perché convinta dagli alieni che le avessero impiantato un microchip, si aggiungono nuovi particolari tra l’assurdo e il grottesco. Il regista del film Guido Maria Ranieri afferma, infatti, di essere stato sempre interessato ad altre forme di vita, per cui l’incontro con la Tommasi e la scelta delle location non sono stati certo casuali. Pare infatti che la Tommasi abbia espresso sul set il desiderio di essere ingravidata per dimostrare il proprio amore agli alieni.

Ranieri ha raccontato:

«Sono sempre stato interessato al fenomeno extraterrestre fin da quando nel 1985 feci un avvistamento sopra i cieli del Lido di Fermo. Da allora, ho avuto altre occasioni che mi hanno dato la certezza che non siamo gli unici esseri in questo universo. Di queste mie esperienze ho reso partecipe Federico De Vincenzo, il produttore del film, con il quale tre anni fa realizzai un DVD dal titolo Venuta dallo Spazio con Laura Perego, che a quel tempo era la sua compagna. Stavolta, mentre per le scene di sesso era d’obbligo andarle a girare all’estero, per quanto concerneva gli esterni per realizzare alcuni semplici passaggi della storia proposi subito la zona del Fermano che molto spesso è stato centro di attenzione del fenomeno ufo e dei cerchi di grano.»

Fonte: Voce d’Italia, Corriereweb.