Biotina capelli: a cosa serve e come si assume

Come si fa ad avere una capigliatura forte e lucente? Con l'aiuto di una vitamina amica della chioma

Pubblicato il 17 giugno 2020

Volete capelli sani, forti e lucenti? La biotina capelli può fare al caso vostro, perché grazie alla sua preziosa azione questa vitamina è in grado di diminuirne sensibilmente la perdita di capelli e regolarizzare il ciclo di crescita. La sua azione, d’altronde, non si ferma solo alla capigliatura, ma coinvolge anche la pelle e le unghie.

Detta anche vitamina H o vitamina B7 o vitamina B8 a seconda della nomenclatura, è una vitamina che non viene prodotta dall’organismo ma assunta solo con la dieta e, dove necessario, attraverso l’assunzione di integratori.

A cosa serve la biotina per capelli

  • La biotina è un coenzima che regola la produzione di cheratina e aiuta quindi nella costruzione di una cheratina più forte e resistente;
  • La biotina attiva il metabolismo delle cellule, permettendo che esse si replichino con una frequenza maggiore. Ciò ha ovviamente effetti positivi sulla crescita dei capelli e con il tempo anche le unghie appaiono più forti e con minore possibilità di sfaldamento;
  • L’assunzione di biotina viene utilizzata sia per la cura delle sue carenze sia per prevenirle, ma non solo;
  • La carenza di biotina può avere conseguenze indesiderate su capelli, pelle e unghie. Sulla capigliatura provoca  capelli fragili e opachi e una perdita diffusa. Inoltre in assenza di quantità adeguate di biotina i capelli possono assottigliarsi e perdere il loro colore naturale;
  • Un recente studio ha effettuato esami sui livelli di biotina nel siero di 541 donne, il cui scopo era determinare la frequenza e l’importanza del deficit di questa vitamina nei soggetti che lamentavano la perdita o la caduta dei capelli: il 38% delle partecipanti ha mostrato di avere scarsi livelli di biotina;
  • Generalmente una dieta variata contiene adeguate quantità di biotina ma, in circostanze normali, il suo deficit è piuttosto raro. Tuttavia, in presenza di disturbi cutanei, fragilità di unghie e caduta di capelli, è bene non sottovalutare una sua eventuale carenza.

Come si assume la biotina

  • La biotina si assume con l’alimentazione ed è contenuta essenzialmente negli alimenti proteici come latticini, carne e uova e frutta secca. La si può trovare anche in alimenti come cavolfiori, carote, spinaci, funghi, fagioli, e pesce.
  • Il fabbisogno giornaliero di questa vitamina può quindi essere soddisfatto includendo nella propria alimentazione alimenti che derivano sia dagli animali sia dai vegetali. Molti di questi sono anche fonti di importanti minerali, come il calcio e il magnesio;
  • Spesso però questi alimenti vengono consumati in misura insufficiente a causa di intolleranze, allergie o per abitudini alimentari e diete restrittive. In questi casi si ricorre agli integrazioni (sotto forma di capsule da assumere per due o quattro mesi, ma si arriva anche fino a sei mesi in caso di bisogno;
  • La biotina si trova in commercio sotto forma di integratori che possono contenere altre vitamine, zinco, metionina e ulteriori sostanze benefiche per i capelli;
  • Generalmente le compresse vanno assunte in concomitanza dei pasti principali, poco dopo essersi svegliati oppure prima di andare a dormire;
  • Come tutti gli integratori va assunta al bisogno senza esagerare – meglio se sotto indicazione medica – e per un tempo ottimale di 2 o 4 mesi.
Seguici anche su Google News!

Storia

  • Prodotti per capelli

Credits foto:

  • Integratori capelli | iStock