Paga un caffè due euro e chiama i vigili: mille euro di multa a un bar

Il cliente si è indispettito per il prezzo del decaffeinato messicano. Confartigianato Firenze: "Non considerare la qualità di un prodotto dove c'è un grande lavoro dietro è qualcosa che amareggia profondamente".

Pubblicato il 17 maggio 2022
News

Sono stati dati mille euro di multa a una caffetteria di Firenze, per non aver esposto al bancone il prezzo di una tazzina di caffè. Il fatto è successo al bar “Ditta Artigianale” del capoluogo toscano, in seguito alla contestazione di un cliente. L’uomo, infatti, sorpreso e infastidito dal costo del decaffeinato – pari a 2 euro – ha chiamato la polizia municipale. I vigili hanno quindi sanzionato il locale, come previsto dalla legge.

Credo che con tutto quello che oggi si somministra nei bar questa legge ha tanto dell’assurdo e andrebbe cambiata, altrimenti il 99,9% di bar e ristoranti sarebbero facilmente in errore“. Queste le parole che ha scritto su Facebook Francesco Sanapo, il titolare della caffetteria.

Noto anche per essere stato più volte campione italiano di caffetteria, Sanapo non ha intenzione di discutere la multa. Ci tiene a sottolineare, però, l’importanza della qualità di un prodotto. “Sono pronto a pagare per i miei errori. Che nessuno però si scandalizzi più se paga un espresso due euro: è una missione e la porterò avanti a testa alta“, si legge nello sfogo sui social.

Raccontando l’episodio, il titolare ha infatti spiegato che si trattava di un caffè decaffeinato particolare, di una piantagione messicana, preparato con professionalità dai baristi.

Confartigianato Firenze ha raccolto l’appello di Francesco Sanapo: “Non considerare la qualità di un prodotto dove c’è un grande lavoro dietro  è qualcosa che mi amareggia profondamente. La qualità si paga ed è a vantaggio di tutti“, ha affermato in una nota il presidente Alessandro Vittorio Soran. Serena Nobili dell’azienda fiorentina Dini Caffè ha aggiunto: “siamo nel 2022 ma ancora in Italia non si può parlare di qualità quando si parla di caffè, in questo settore la qualità non viene percepita: è gravissimo“.

Seguici anche su Google News!